Sport – Pagina 2 – Babboleo

Sport

25° Galà delle Stelle, la Notte degli Oscar dello Sport in Liguria

Manca meno di un mese alla Notte degli Oscar, organizzata da Stelle nello Sport, che si terrà giovedì 23 maggio ai Magazzini del Cotone del Porto Antico di Genova. Le votazioni sono aperte fino al 3 maggio.

Celebreremo i più grandi campioni dello sport ligure; è possibile votare per gli sportivi di ogni età, nelle fasce Big, Junior e Green – ha dichiarato Michele Corti, ideatore del progetto Stelle nello Sportma anche la società sportiva dell’anno e come sempre le tre società sportive più votate non solo riceveranno l’oscar, ma anche una serie di bonus e montepremi utili per la loro attività con viaggi e materiali sportivi”.

Le parole di Michele Corti, ideatore di Stelle nello Sport, ai microfoni di Radio Babboleo:

In arrivo a Genova i Campionati del Mondo di Orienteering 2024

Il COMITATO GENOVA 2026 Asd ha svelato ufficialmente la Orienteering World Cup 2024 – Coppa del Mondo 2024 di Orienteering, tappa italiana del circuito mondiale che si svolgerà a Genova (Voltri e Nervi) dal 27 maggio al 2 giugno, alla quale si sono già iscritti più di 300 partecipanti in rappresentanza di 29 team nazionali, anche extraeuropei. La Orienteering World Cup 2024 – Coppa del Mondo 2024 di Orienteering è l’evento più atteso dell’anno da un movimento sportivo che in Italia conta più di 10.000 praticanti (160 società affiliate alla FISO) e oltre 300.000 nel mondo, per un circuito che ogni anno organizza la World Orienteering Week, che si svolge in 63 nazioni con 100.952 partecipanti, oltre agli eventi “Elite”: i Campionati Mondiali, che a Genova arriveranno nel 2026, gli Europei e le gare di Coppa del Mondo, oltre a quelle inserite nei calendari Nazionali.
Tanti gli eventi collaterali previsti dagli organizzatori che Gianluca Carbone – Event Manager della tappa italiana – ha illustrato a Genova alla presenza di Henrik Eliasson (Svezia) C.E.O. della Federazione Internazionale (I.O.F.), Sergio Anesi – Presidente F.I.S.O. ed Elis Angeli – Orienteering Folgore Pisa, atleta
della Nazionale Italiana. Orienteering World Cup 2024 – Coppa del Mondo 2024 di Orienteering è inserita nel calendario di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport. Ad accogliere gli ospiti internazionali venuti a Genova per la presentazione della Orienteering World Cup 2024 – Coppa del Mondo 2024 di Orienteering, esponenti istituzionali e del mondo sportivo di Genova e della Regione Liguria, orgogliosi della portata anche turistica e mediatica della manifestazione.

Le parole di Gianluca Carbone, Event Manager della tappa italiana, ai microfoni di Radio Babboleo:

«La Coppa del Mondo di Orienteering rappresenta una grande opportunità di promozione per la nostra città nell’anno in cui è Capitale Europea dello Sport – dichiara l’assessore allo Sport e Turismo del Comune di Genova, Alessandra Bianchi – Tutti i partecipanti potranno scoprire le bellezze della nostra Genova sfidandosi lungo un percorso davvero suggestivo, da levante a ponente, immersi tra storia, arte e cultura e, sono sicura, rimanendo incantati dai nostri paesaggi mozzafiato. Opportunità che avranno anche tutte le persone sintonizzate davanti alla TV grazie alla ribalta televisiva ottenuta da questo movimento che a Genova tornerà tra 2 anni per i Mondiali Master: una disciplina in continua espansione e pronta ancora una volta a coniugare perfettamente il binomio sport e turismo, una delle direttrici alla base del nostro progetto come Capitale Europea dello Sport».

«L’Orienteering permette di valorizzare il territorio ligure in modo originale, avvicinando alla pratica sportiva cittadini di tutte le età e abilità – afferma l’assessore allo Sport della Regione Liguria, Simona Ferro – Se è vero, infatti, che la Coppa del Mondo vedrà protagonisti gli atleti più forti in questa specialità, dobbiamo considerare che un evento del genere permetterà di diffondere sempre di più questo sport tra l’intera popolazione, promuovendo così l’attività fisica all’aria aperta e a impatto zero. Grazie a discipline come l’Orienteering potremo raggiungere gli importanti e ambiziosi obiettivi legati alla nomina della Liguria a Regione Europea dello Sport nel 2025, anno in cui saranno presentate attività, iniziative e campagne per rendere il nostro territorio sempre più a misura di sportivo».

Sono intervenuti anche il Vicepresidente del Consiglio Regionale, il Presidente di CONI Liguria Antonio Micillo, la Responsabile di Sport e Salute Liguria Michela Carfagna e gli assessori dei due Municipi della città che saranno più direttamente coinvolte nella manifestazione di giugno 2024: gli Assessori allo Sport del Municipio VII Ponente e del Municipio IX Levante. Rigorosamente segreti i percorsi e le aree destinate ai campi di gara che dal 27 maggio al 2 giugno porteranno a Genova i 29 team Nazionali con i migliori atleti del pianeta! L’Orienteering è infatti uno sport che si pratica in un ambiente sconosciuto ai concorrenti, utilizzando una mappa e una bussola per individuare una serie di punti di controllo in un determinato ordine e nel minor tempo possibile. Si svolge in città o nel bosco (a piedi, in bici o con gli sci) ed è una disciplina ad impatto zero (per praticarlo non serve costruire impianti).
Imponente la squadra del COMITATO GENOVA 2026 Asd, appositamente costituito per l’organizzazione Orienteering World Cup 2024 – Coppa del Mondo 2024 di Orienteering ed in vista dei Mondiali del 2026. Dal punto di vista tecnico un team coordinato dalla genovese Asd Amatori che ha però coinvolto i migliori
esperti nazionali già dai recenti Campionati Italiani. Dal punto di vista organizzativo e della comunicazione, rilevante l’assistenza del CSI Genova anche grazie al
centro polisportivo outdoor Altum Park di San Desiderio, dove l’Orienteering è disciplina sportivo-ambientale insegnata e praticata ormai da anni e dove proprio la Nazionale Italiana farà base durante tutto il periodo delle gare.

Fuori il DocuFilm per festeggiare i 25 anni di Stelle nello Sport

Un DocuFilm per celebrare 1/4 di secolo di Stelle nello Sport, progetto che promuove i valori e la cultura dello sport a Genova e in Liguria. DocuFilm che racconta lo straordinario percorso attraverso le testimonianze di campioni e dirigenti sportivi.

Il video, realizzato da Alwidow Productions per la regia di Alberto Maria Vedova, è stato curato da Michele Corti, Marco Callai e Cristina Cambi con interventi di Marco Barbagelata, Francesco Bocciardo, Laila Boldini, Paola Fraschini, Cinzia Garibaldi, Franco Henriquet, Antonio Micillo, Andrea Possa, Marco Rinaldi, Silvia Salis, Edoardo Stochino e Luisella Tealdi.

Aneddoti, immagini d’epoca e imprese fanno da sfondo al percorso di stelle nello Sport raccontato in diverse location che hanno segnato questi 25 anni: dall’ex Dixieland al Porto Antico, passando per lo stadio Luigi Ferraris e il Teatro Carlo Felice, ma anche l’Hospice della Gigi Ghirotti, i Giardini Govi, MySport Village Sciorba e l’Istituto Comprensivo Oregina.

Le parole di Michele Corti, ideatore del progetto Stelle nello Sport, ai microfoni di Radio Babboleo:

Il DocuFilm per i 25 anni di Stelle nello Sport:

Ritorna domenica 21 aprile il Genova Trail, con due differenti percorsi di 17 e 46 km

Scoprire e valorizzare il territorio facendo sport è l’obiettivo del Genova Trail, che domenica 21 aprile 2024 dalle ore 8.30 torna con una giornata dedicata a gare competitive di corsa in montagna. Due differenti percorsi di gara per mettersi alla prova, rispettivamente di 17 e 46 km.

«Il Genova Trail offrirà a tutti i partecipanti l’opportunità davvero unica di scoprire la nostra città, con i suoi paesaggi mozzafiato, attraverso un percorso sensazionale che condurrà dal mare fino all’Alta Via dei Monti Liguri passando per il nostro centro storico con i suoi Palazzi dei Rolli e arrivando alle storiche fortificazioni – afferma l’assessore allo Sport e al Turismo del Comune di Genova Alessandra Bianchi -. Entrare a stretto contatto con un territorio nel corso di una attività sportiva è la miglior dimostrazione dello stretto rapporto che lega Sport e Turismo, di come gli eventi possano valorizzare una città agli occhi dei visitatori: così Genova, con le sue bellezze paesaggistiche, il suo patrimonio storico-artistico-culturale e le eccellenze della sua enogastronomia, è pronta a dare il benvenuto ad atleti, appassionati e alle loro famiglie».

«In una sola manifestazione si uniscono sport, agonismo, benessere e promozione del territorio – dice l’assessore allo Sport di Regione Liguria Simona Ferro -. La riscoperta dei sentieri a due passi dal mare passa anche attraverso questi eventi. Correre poi in un’ambientazione simile, magari vicino ai forti genovesi, è un motivo di fascino in più per chi partecipa. Allo stesso tempo i concorrenti diventano anche testimonial di una zona di Genova ideale per camminate e scampagnate all’insegna di giornate dedicate all’attività fisica».

“Seconda edizione con questo format, ovvero quello diurno con partenza in piazza Matteotti, ma in realtà siamo quasi alla decima edizione, quindi diciamo che siamo abbastanza rodati da questo punto di vista – afferma Luca Zuccheri, responsabile sicurezza della manifestazione e socio di Sisport -. Quest’anno, inserita nel contesto di Genova 24 Capitale Europea dello Sport, quindi ancora più lustro e ancora più interesse anche a livello internazionale. Per la manifestazione sono quasi arrivate a 600 le iscrizioni e continuano a crescere; concorrenti che arrivano da tutta Italia, dalla Francia, dalla Svizzera e addirittura un concorrente colombiano”.

“Sono due percorsi principali, il Genova City Trail, che è una 17 km che dal centro storico di Genova arriva al parco delle Mura, quindi toccherà i forti principali, il Fratello Maggiore, sfiora quello del Diamante e lo Sperone e poi ritorna attraverso caratteristiche creuze – dichiara Alberto Canessa, Responsabile Percorso evento -. La gara regina, la Genova Trail Marathon di 46 km, ha un impegno diverso ed è dedicata e pensata soprattutto agli atleti più evoluti”.

L’evento prevede due distanze sulle quali gareggiare: il Genova City Trail, che si caratterizza per un tracciato dalla lunghezza di 17 Km, e la Genova Trail Marathon, lunga 46 Km.

Il percorso della 17 Km non è una semplice gara cittadina, ma un’appassionante risalita per creuze e sentieri, fino ai crinali del Parco delle Mura, per provare l’emozione di correre tra le imponenti fortificazioni genovesi. Una gara per tutti i gusti, adatta non solo a chi vuole andare veloce ma soprattutto a chi desidera cimentarsi in una nuova esperienza di corsa outdoor. Il tracciato della 46 km, invece, è una vera propria maratona di montagna a due passi dal mare, densa di valore sportivo e paesaggistico. Genova Trail Marathon, con i suoi strappi e le suoi scorci naturalistici saprà stupire anche gli atleti più esigenti. In contemporanea alle gare, in piazza Matteotti, sarà allestito un ampio village, dedicato a tutti gli appassionati del mondo Outdoor, con stand dei principali collaboratori dell’evento e di alcuni dei marchi più importanti del settore.
La prima edizione è stata un successo di partecipazione, con oltre 450 atleti iscritti, il soldout della 17 Km e più di 100 volontari coinvolti. Quest’anno si attendono numeri raddoppiati, per una manifestazione che ambisce a trasformare Genova in uno delle capitali del Trail Running a livello nazionale e non solo.

Genova 2024 Capitale Europea dello Sport sarà teatro delle finali di “FUTSAL” femminile

Genova e Campo Ligure ospiteranno tutte le Coppe Italia femminili di Futsal dal 18 al 21 aprile. La Serie A adotterà la formula della Final Eight per l’assegnazione della coccarda tricolore per la ventitreesima volta, mentre per la Serie B, la Serie C e l’Under 19 femminile, sarà la Final Four a decidere i vincitori.

“Avere la Coppa Italia è un motivo di orgoglio, grazie a tutto il team di Genova 2024 perché abbiamo lavorato tanto – spiega Alessandra Bianchi, Assessore allo Sport del Comune di Genova -. Grazie alla Divisione per aver dialogato in maniera fattiva nella volontà di portare qui tale manifestazione in un anno importante. Mi fa piacere che la competizione si svolga con il coinvolgimento di Campo Ligure, non è il primo progetto che portiamo avanti insieme. I grandi eventi sportivi servono a promuovere e valorizzare il nostro territorio, lo facciamo in modo virtuoso con le rappresentanti di molte regioni d’Italia che vengono qui a sfidarsi. Quest’anno si giocherà allo Stadium, nel giro di qualche mese vedrà la luce il nuovo Palasport e mi auguro che in futuro si riesca a portare lì competizioni di tale livello”.

Dobbiamo ancora riprenderci dalle emozioni del Torneo delle Regioni, che mancava da 39 anni – esordisce Simona Ferro, Assessore allo Sport della Regione Liguria -. Ci inorgoglisce il fatto che le Coppe Italia vengano disputate qui. Saranno quattro giornate importanti, ricordo che ci sarà l’ingresso gratuito per tutto il pubblico che assisterà alla manifestazione”.

Grazie alla politica locale, è un grande onore essere qui – sottolinea il Presidente della Divisione Calcio a 5 Luca Bergamini -. Siamo uno sport sociale, che crea famiglie sportive. Ringrazio il presidente del CR Liguria Giulio Ivaldi, che ci è stato sempre vicino, e l’amica Stella Frascà, che ci ha supportato in tutta l’attività. Grazie a Matteo Fortuna per il lavoro che svolge per Genova e per il futsal: è una di quelle persone che ti consentono di pensare che il futuro sarà migliore. È la prima volta che abbiamo tutte le finali in una sede unica, sarà uno spettacolo entusiasmante. La Serie A italiana nel futsal femminile è come la Premier League inglese nel calcio a 11, il livello è altissimo. Abbiamo due candidature in piedi: il Mondiale femminile 2025 e l’Europeo Under 19. Genova è una di quelle città che, per storia, cultura e riconoscibilità mondiale, rappresenta il ponte per arrivare a ottenere questi risultati. Colgo l’occasione per salutare una persona della nostra famiglia che ci ha lasciato la scorsa settimana a Policoro, Vincenzo D’Avino: eravamo tutti profondamente legati a lui, sapeva declinare il legame con la nostra base e con il territorio”.

“Grazie al Presidente Bergamini per aver portato in Liguria questa manifestazione meravigliosa, sarà divertentissima – assicura Stella Frascà, Consigliere Nazionale della FIGC -. Saranno quattro giorni di sport nel segno delle donne, il che mi rende ancora più orgogliosa”.

“Grazie di aver creduto nella nostra realtà, che è piccola ma possiede una struttura interessante – afferma il Sindaco di Campo Ligure Gianni Oliveri -. Il palazzetto è cresciuto grazie alla presenza della società CDM Futsal, alla quale dobbiamo molto: ha creato quel collegamento con un livello di sport che per noi era complicato raggiungere. Ritengo corretta la scelta di abbinare l’entroterra alla città di Genova in questa manifestazione: laddove ci sono delle eccellenze sportive come il nostro impianto, è giusto che vengano sfruttate”.

“È una grande soddisfazione, ringrazio tutte le autorità. Come società siamo a Campo Ligure e Genova con 300 ragazzi del settore giovanile – racconta Matteo Fortuna, Presidente della CDM Futsal -. Il futsal è bellissimo, il femminile ancora di più, invito tutti a venire nei palazzetti”.

“Il Torneo delle Regioni è stato una grande avventura – dichiara Giulio Ivaldi, Presidente del Comitato Regionale Liguria della LND -, nonché una grande emozione e un grande riconoscimento, grazie ai nostri amministratori che ci hanno supportato. La partita più importante è la prossima, siamo già pronti”.

“Complimenti agli amministratori del territorio per aver valorizzato lo Stadium di Genova, ora aspettiamo il nuovo Palasport, che sarà multidisciplinare – ricorda Antonio Micillo, Presidente del Comitato Regionale Liguria del CONI -. Il futsal aiuterà anche a far conoscere una realtà come Campo Ligure, capitale della filigrana”.

“Grazie a Genova per aver accolto lo spettacolo del futsal femminile, queste ragazze faranno vedere di cosa sono capaci – chiosa Umberto Ferrini, Consigliere della Divisione Calcio a 5 -. Saranno quattro giorni molto intensi: per la prima volta avremo quattro categorie insieme”.

FINALI COPPE ITALIA FEMMINILI

GIOVEDÌ 18 APRILE
PALASPORT – CAMPO LIGURE
ore 11 – Q1 Serie A: Stilcasa Costruzioni Falconara-Kick Off
ore 15 – Q2 Serie A: TikiTaka Francavilla-Lazio
ore 18 – Q3 Serie A: GTM Montesilvano-Femminile Molfetta
ore 21 – Q4 Serie A: Bitonto-VIP

STADIUM – GENOVA
ore 18 – S1 Serie B: Pero-Atletico Chiaravalle
ore 21 – S2 Serie B: C5 Roma-CMB Futsal Team

VENERDÌ 19 APRILE – STADIUM – GENOVA
ore 15 – Finale Serie B: Vincente S1-Vincente S2
ore 18.15 – S1 Serie A: Vincente Q1-Vincente Q2
ore 20.45 – S2 Serie A: Vincente Q3-Vincente Q4

SABATO 20 APRILE
PALASPORT – CAMPO LIGURE
ore 10 – S1 Serie C: Palmese-FB5 Team Rome
ore 13 – S2 Serie C: Città Giardino Marassi-Boca Junior

STADIUM – GENOVA
ore 18.30 – S1 Under 19: Bitonto-Audace Verona
ore 21 – S2 Under 19: TikiTaka Francavilla-Kick Off

DOMENICA 21 APRILE
PALASPORT – CAMPO LIGURE
ore 10 – Finale 3°/4° posto Serie C: Perdente S1-Perdente S2

STADIUM – GENOVA
ore 12.30 – Finale Serie A: Vincente S1-Vincente S2
ore 15.30 – Finale Serie C: Vincente S1-Vincente S2
ore 18 – Finale Under 19: Vincente S1-Vincente S2

A Genova il primo centro di medicina dello sport in Liguria accreditato alla FMSI

Passo avanti nel settore della medicina sportiva in Liguria: a Genova riconosciuto il primo centro regionale accreditato alla Federazione Medico Sportiva Italiana.

La Federazione Merico Sportiva Italiana é l’organizzazione di riferimento nel settore della medicina sportiva in Italia ed è la Federazione Medica di Riferimento del comitato olimpico nazionale italiano e la società scientifica di riferimento del Ministero della Salute per la Medicina Sportiva, deputata a garantire la tutela della salute e l’educazione alla salute di tutti coloro che praticano attività sportiva.

Un accordo tra SYNLAB, FMSI e CONI che impegna Genova a prescrivere l’esercizio fisico anche a fini preventivi e terapeutici, sostenendo l’importanza di uno stile di vita attivo, ma anche a partecipare a studi e ricerche per contribuire al progresso della medicina sportiva, assistere atleti di squadre nazionali e società sportive per ogni esigenza di carattere medico e funzionale, garantendo una complessa assistenza nei percorsi sportivi, nella prevenzione degli infortuni e dell’overtraining.

Così SYNLAB il Baluardo diventa centro di medicina dello sport accreditato, al servizio di atleti, professionisti e di tutta la comunità locale.

Grazie al lavoro costante sugli atleti, dal 1982 al 2012 è diminuita dell’89% l’incidenza di morte improvvisa sul campo in Italia” – racconta ai microfoni di Radio Babboleo Luca Ferraris, medico sportivo – “risultati di un’indagine su 30 di dati da parte della Federazione Medico Sportiva, un grande successo che ha reso la medicina sportiva un punto di riferimento in tutto il mondo“.

“La Federazione Medico Sportiva Italiana da sempre è ‘un baluardo’ nell’attività di controllo e prevenzione della salute degli sportivi” – commenta il Presidente CONI Comitato Regionale Liguria Antonio Micillo – “una significativa collaborazione che potrà produrre importanti benefici per gli sportivi tesserati e non“.

Attraverso questa affiliazione dimostriamo di voler rispettare gli standard di alta qualità richiesti dalla federazione, grazie al team di medici di diverse specialità in ambito sportivo, oltre che ad attrezzature tecnologicamente avanzate di diagnostica strumentale e di laboratorio” – spiega la Regional Director SYNLAB Simona Lombardi – “pronti a supportare lo sportivo in ogni aspetto e ogni fase della preparazione, recupero e competizione“.

Edizione da record per il Trofeo Caravella, lo storico torneo ligure di calcio giovanile

È giunta al termine la 36esima edizione del Trofeo Caravella, la storica manifestazione di calcio giovanile organizzata dalla S.C Molassana 1918. Le tradizionali finali di Pasqua e Pasquetta hanno chiuso il torneo, che dal 25 marzo al 1° aprile ha visto scendere in campo più di 2200 giovani tesserati, nati tra il 2007 e il 2018. Un’edizione da record per il numero di squadre iscritte, ben 145, 25 in più rispetto all’anno scorso.

“Mai così tanti bambini e ragazzi avevano animato i nostri campi sportivi in occasione del Trofeo Caravella – ha spiegato il presidente del Molassana 1918 Giuliano MichelottiIl successo di questa edizione è lo specchio di un percorso di crescita e rinnovamento societario che è definitivamente sbocciato dopo la pandemia. Voglio ringraziare tutte le squadre, dai giovani calciatori ai genitori, staff tecnici, dirigenti e ovviamente i tantissimi volontari senza i quali nulla sarebbe possibile”.

Otto giorni di sport e divertimento, che hanno visto vincitori Athletic Club Albaro (2017/18), PSM Rapallo (2016), Cosmosassari (2015), Campomorone S.O. (2014), Polis Genova (2013), Sestrese (2012), Molassana (2011), Sampdoria (2010, in campo con la selezione 2011), Genoa (femminile U15), Legino (2009), Rivasamba (2008) e Sestrese (2007). I premi sono stati consegnati dal presidente del Comitato Regionale FIGC Giulio Ivaldi, il presidente del Municipio Media Val Bisagno Maurizio Uremassi, l’assessore Vincenzo Apicella e lo storico organizzatore del torneo Piero Ceresoli.

Grand Prix delle due valli: 18 tappe tra Valpolcevera e Vallescrivia

Dopo il successo della prima storica edizione, che ha visto la partecipazione di oltre 1.300 atleti in 10 gare, anche quest’anno dal 24 marzo al 1° dicembre torna il Grand Prix delle 2 Valli, il circuito di gare podistiche che attraversa e valorizza la Valpolcevera e la Vallescrivia. In questo 2024 il Grand prix si raddoppia di ben 18 tappe in programma, con la presenza di circa 3.000 persone, per un totale di 150 km.

La kermesse, presentata questa mattina nella Sala della Trasparenza di Regione Liguria, è organizzata da CFFS Ronco Scrivia e GSC Sant’Olcese con la collaborazione di Gruppo Città di Genova, Delta Spedizioni, Cambiaso Risso, Atletica Vallescrivia, Atletica Novese, pro Loco casella e Pro Loco Montoggio.

“Quest’anno è stato organizzato in maniera meravigiosa, perchè è un modo per riscoprire e nostre meravigiose valli” spiega l’assessore allo Sport di Regione Liguria Simona Ferro “sopratutto un grande ringraziamento va agli organizzatori, alle persone che vivono sul territorio che hanno questo grande amore per l’attività podistica”.

Il grand Prix è uno degli eventi che conferma che Genova capitale europea dello sport non è solo circoscritto al territorio comunale ma rigurada anche la città metropolitana e questo è un bellissimo esempio, perchè coinvolge moltissimi territori” spiega l’assessore allo Sort del Comune di Genova Alessandra Bianchi

“Queste 18 gare sono uno strumento ideale, per dare una spinta motivazionale alle persone e ci permette di valorizzare moltissimi temi tra i quali la salute” spiega l’assessore allo Sport del Comune di Ronco Scrivia e cardiologo Sergio Agosti “ricordiamo,inoltre, che lo sport è il più potente farmaco contro le malattie cardiovascolari”.

 Il presidente del GSC Sant’Olcese e consigliere regionale Armando Sanna spiega “Noi cerchiamo di valorizzare quei comuni dell’entroterra ricordandoli per i loro particolari, aggiungo che tra queste 18 grae ce ne saranno due molto importanti che mirano a promuovere la beneficenza e la solidarietà, una verso la Gigi Ghirotti e una dedicata a Sofia

Torneo delle Regioni, al via in Liguria la 60^edizione con 78 rappresentative

Si è svolta questa mattina nel Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi la presentazione ufficiale del 60° Torneo delle Regioni, la più longeva ed imponente manifestazione di calcio giovanile della LND, inserita nel programma di “Genova 2024 Capitale Europea dello Sport” e riservata alle rappresentative Regionali delle categorie Under 19, Under 17 e Under 15 maschili e calcio femminile. La storica manifestazione della Lega Nazionale Dilettanti torna in Liguria dopo trentanove anni. Dal 23 al 29 marzo l’Italia del calcio giovanile di base sarà protagonista in diciotto campi con le 78 rappresentative regionali.

I Comitati Regionali della Lega Nazionale Dilettanti si ritroveranno insieme per vivere un momento di confronto e di condivisione in occasione di una manifestazione che dal 1959 ha cambiato formula e introdotto nuove fasce d’età mantenendo intatto il fascino di sempre. La Liguria per la prima volta organizza il Torneo delle Regioni con la formula attuale, trentanove anni dopo l’ultima volta con il format originario. Sarà un torneo imponente che coinvolgerà oltre 1900 persone contando atleti, dirigenti, tecnici e arbitri.  In corsa per i quattro trofei in Liguria ci saranno 78 Rappresentative.

«Manca pochissimo al fischio di inizio della 60esima edizione del Torneo delle Regioni ed un anniversario così importante non poteva che festeggiarsi a Genova nell’anno in cui la nostra città è Capitale Europea dello Sport – afferma Alessandra Bianchi, assessore allo Sport ed al Turismo del Comune di Genova – Sarà una settimana di grandi sfide agonistiche sul campo, per un torneo che ha visto esordire futuri grandi campioni, ma anche una settimana di grande sport all’insegna dell’aggregazione e dell’amicizia oltre ad un’occasione per continuare a far conoscere la nostra città. Genova, infatti, è pronta a fare da palcoscenico non solo per i novanta minuti della partita, ma soprattutto per il dopo partita, offrendo luoghi suggestivi da visitare, panorami mozzafiato da ammirare e l’immancabile focaccia da assaporare. Il Torneo delle Regioni conferma la straordinaria forza degli eventi sportivi quale volano per il turismo. Genova è pronta a dare il benvenuto a migliaia di partecipanti, accompagnati dalle loro famiglie, e ringrazio tutti gli attori presenti al tavolo dell’imposta di soggiorno per il grande lavoro di squadra messo in campo in questa occasione e per la particolare attenzione relativamente alle strutture ricettive per andare incontro alle esigenze degli atleti e degli staff tecnici e dirigenziali».

«La Liguria sarà il cuore del calcio dilettantistico italiano per una settimana. È il giusto riconoscimento per il nostro movimento regionale che, nonostante le difficoltà legate agli strascichi della pandemia e al caro bollette, recentemente è tornato a registrare numeri in crescita”, sottolinea Simona Ferro, assessore allo Sport di Regione Liguria. “Il merito è sicuramente delle società sportive del territorio che con coraggio e resilienza non hanno mai smesso di lavorare, configurandosi anche nei momenti più bui come un porto sicuro per migliaia di famiglie, un presidio di sport ma anche di socialità e aggregazione. Complimenti al presidente del Comitato Regionale della FIGC Giulio Ivaldi e a tutte le persone che hanno lavorato giorno e notte per organizzare il 60° Torneo delle Regioni, una manifestazione davvero unica nel suo genere e capace di far sognare intere generazioni di giovani calciatori».

Particolarmente soddisfatto è anche Giulio Ivaldi, presidente Lnd Liguria: «Ringrazio il Comune Di Genova e la Regione Liguria per il supporto. Stiamo ricevendo numerose richieste e prevediamo un numero di prenotazioni che supereranno le tremila persone coinvolte sul nostro territorio per una settimana davvero speciale».

«Il Torneo delle Regioni rappresenta uno straordinario strumento di promozione dello sport tra i giovani ma anche del territorio – conclude Antonio Micillo, presidente Coni Liguria -. Mi piace sottolineare come Genova Capitale Europea dello Sport 2024 sia davvero un contenitore eccezionale di eventi e progetti come raramente abbiamo avuto modo di vedere in passato».

Le gare in programma sono 142 e saranno giocate su diciotto campi in due province della Liguria, Genova e Savona. I campi: “S. Ferrando” – Alassio (SV), “M. Polo” – Andora (SV), “A. Daneri” – Loc. Caperana Chiavari (GE), “Comunale” – Cogorno (GE), “F. Merlo” – Ceriale (SV), “G. De Vincenzi” – Pietra Ligure (SV), “H.C. Andersen” – Sestri Levante (GE), “E. Riboli” – Lavagna (GE), “San Rocco” –  Recco (GE), “G.B. Ferrando” – Genova, “Begato 9” – Genova, “Tre Campanili” – Bogliasco (GE), “25 Aprile” – Genova, “Ligorna” – Genova, “N. Gambino” di Arenzano (GE), “Sant’Eusebio” di Genova, “U. Macera” di Rapallo (GE). Tutte e quattro le finali si giocheranno nell’impianto avveniristico dello “Sciorba Stadium” di Genova.

Il Torneo delle Regioni avrà un impatto importante anche sotto l’aspetto del turismo sportivo con le 78 rappresentative che alloggeranno in quattordici strutture ricettive a Genova, Marina di Andora (Sv), Lavagna (Ge), Loano (Sv), Sestri Levante (Ge), Pietra Ligure (Sv), Alassio (Sv) e Chiavari (Ge).

Il Torneo delle Regioni è prima di tutto un momento di aggregazione, di confronto tra tutte le realtà regionali della Lega Nazionale Dilettanti, la festa nazionale del calcio giovanile, un’esperienza di sport allo stato puro. Ma il TDR ha anche una grande valenza sotto tecnica ed agonistica. Non è un caso se da qui sono passati i vari Gianluigi Donnarumma, Simone Zaza, Leonardo Pavoletti, Francesco Acerbi, Gianluca Lapadula, Lorenzo Lucca, Alessandro Bianco, Walid Cheddira, Nicolò Rovella, Gabriele Zappa, Giacomo Quagliata, Gianluca Frabotta, Michael Folorunsho, Manuel Lazzari, Mattia Finotto, Luigi Canotto, Kevin Lasagna, Wladimiro Falcone, Francesco Forte, Francesco Caputo, Luigi Cossu, Fabio Bazzani, Emanuele Giaccherini, Moreno Torricelli e Gianfranco Zola.

Praticamente gran parte delle atlete che formano l’ossatura dell’attuale Nazionale italiana e le giocatrici italiane protagoniste dei big club dell’attuale Serie A, Juventus, Roma, Milan, Inter, Fiorentina e Sassuolo, sono tutte passate dal Torneo delle Regioni. Parliamo di Valentina Cernoia, Elena Linari, Valentina Bergamaschi, Daniela Sabatino, Arianna Caruso, Benedetta Glionna, Agnese Bonfantini, Vanessa Panzeri, Sofia Cantore, Giada Giuliani, Eleonora Goldoni, Michela Ceccarelli, Silvia Barsotti, Aurora Galli e Stefania Tarenzi.

Il 60° Torneo delle Regioni calcio a 11 punta a un target di pubblico più giovane e ampio possibile online e offline grazie alla collaborazione tra Lega Nazionale Dilettanti e vari organi di informazione regionali. Dirette streaming, piattaforme digitali, social media, foto, mezzi d’informazione online e carta stampata sono gli strumenti che renderanno l’evento un’esperienza immersiva da vivere grazie al coinvolgimento e alla partecipazione della fan base.

Giro HandBike 2024, Genova tappa di partenza per il torneo sulle tre ruote

Parte da Genova il Giro d’Italia HandBike 2024, la corsa a tappe di bici a tre ruote che vedrà protagonisti alla pari ciclisti con disabilità e normodotati. Così una manifestazione che coniuga attività sportiva e inclusione per una 14esima edizione che prenderà il via domenica, 17 marzo, proprio nel capoluogo ligure in occasione di Genova Capitale Europea dello Sport 2024.

Ad attendere i 70 handbiker, che si sfideranno in velocità, un percorso ondulato di 4 km sul lungomare di Corso Italia. In palio la maglia rosa, ma anche la maglia bianca per il miglior giovane e la maglia rossa per il fast team.

Da Genova la strada verso le Paralimpiadi di Parigi con la nostra città che farà da prima tappa del giro – racconta l’assessore comunale allo Sport e al Turismo Alessandra Bianchi non solo un evento sportivo agonistico di altissimo livello, ma anche una prestigiosa occasione per la diffusione di quei valori, come inclusione e integrazione, intrinseci allo sport che vogliamo continuare a promuovere

Modo e motivo di stimolare ancora di più tutte le persone ad avvicinarsi a questo sport, oggi praticato da tantissime persone che lo utilizzano come occasione di recupero dalle disavventure che hanno vissuto” – spiega il direttore di corsa Luca Motto – “in gara circa 70 atleti di 10 categorie di disabilità, a dimostrare come i nostri campioni di vita siano ancora più forti”.

Ancora una volta lo sport parla di inclusione e di aggregazione – dice l’assessore comunale alle Politiche Sociali Lorenza Rosso – Il messaggio che questi atleti ci vogliono dare è che bisogna sempre reagire alle situazioni che la vita ci mette davanti, ed è per questo che devono essere fonte di ispirazione spronando i tanti giovani che si trovano ad affrontare la disabilità, anche a seguito di un trauma o di un incidente stradale”.

Appuntamento domenica 17 marzo alle ore 10.45 in Corso Italia, all’altezza di Via Don Giovanni Minzoni per applaudire i #campionidivita del Giro HandBike 2024. Previste modifiche alla viabilità nelle zone limitrofe alla corsa.

Il Giro HandBike 2024 proseguirà con altre cinque tappe: 12 maggio Monfalcone (Gorizia), 14 luglio Dairago (Milano), 22 settembre Pioltello (Milano), 6 ottobre Noicattaro (Bari), 20 ottobre Como.