Teatro – Babboleo

Teatro

27 Marzo 2024, Giornata Mondiale del Teatro. “Cos’è per voi il teatro?” la risposta dei direttori dei principali teatri liguri

Oggi è la Giornata Mondiale del Teatro, istituita dall’International Theatre Institute e dagli esperti dell’UNESCO per la prima volta il 27 Marzo 1962. In occasione della 62esima edizione Radio Babboleo ha chiesto ai direttori dei principali teatri liguri cosa fosse per loro il teatro e quale il loro rapporto con il mezzo radio.

Amedeo Romeo, direttore del Teatro della Tosse di Genova.

Rajeev Badhan, direttore del Teatro Chiabrera di Savona.

Alessandro Maggi, direttore artistico del Teatro Civico della Spezia.

Danilo Staiti, direttore artistico del Politeama Genovese.

Davide Livermore, direttore del Teatro Nazionale di Genova.

Mirella Cannata, presidente dell’Associazione Teatro Necessario di Genova.

Eleonora D’Urso, direttrice del Teatro Stradanuova di Genova.

“Fantozzi. Una tragedia” per la prima volta a teatro la maschera di Paolo Villaggio

Un’impresa titanica per il direttore del Teatro Nazionale di Genova Davide Livermore e “Fantozzi”, l’attore Gianni Fantoni che portano per la prima volta a teatro le avventure e disavventure di Fantozzi, in scena in prima assoluta al Teatro Ivo Chiesa dal 30 gennaio al 11 febbraio in un adattamento curato insieme ad Andrea Porcheddu e Carlo Sciaccaluga.

Quattro atti esilaranti suddivisi in maniera tematica, più coro ed epilogo, “Fantozzi. Una tragedia” si basa sui primi tre libri che Paolo Villaggio ha dedicato al celebre ragioniere che come mai nessuno prima ha rappresentato le contraddizione e i paradossi della società italiana, ma – allo stesso tempo – ha segnato in modo indelebile l’immaginario collettivo e persino il linguaggio. Dalla partita di tennis nel nebbione mattutino, alla scena del campeggio a quella in cui si prepara per andare in ufficio sul filo dei secondi, beve il caffè bollente della Pina e prende l’autobus lanciandosi dal terrazzino, gli spettatori potranno così rivivere le scene rimaste impresse nella memoria collettiva.

Si ride della nostra resistenza alla sconfitta eterna attraverso Fantozzi, che diventa un eroe tragico, la vera maschera della nuova commedia dell’arte e portarlo in teatro in qualche modo regala i crismi definitivi al fatto di essere replicabile e interpretabile. Paolo Villaggio ci ha regalato questo” -racconta il regista Davide Livermore – “Un momento storico per la cultura italiana“.

Solo un matto poteva mettersi prima a chiedere a Paolo Villaggio a cedergli i diritti per far Fantozzi in teatro e poi a cercare interpretarlo in una maniera completamente inedita, per la prima volta distaccandosi dal suo creatore e unico interprete” – racconta l’attore Gianni Fantoni, che nella sua carriera più volte ha incrociato Villaggio, a partire dalla sua incredibile capacità di ricostruirne la voce – “Ancora attuale per l’archetipo del perdente, dello sfruttato. Purtroppo la società è molto peggiorata in questo perchè Fantozzi aveva una casa di proprietà, una famiglia stabile, riusciva ad andare in vacanza e una pensione garantita. Adesso tutta roba da fantascienza“.

“Fantozzi. Una tragedia” è anche la realizzazione del sogno di Fantoni che ha cercato per anni di portare Fantozzi a teatro, come ha raccontato con ironia nel suo libro “Operazione Fantozzi” in uscita il prossimo 5 febbraio. “Nei corso di circa 40 anni sono passato da pubblico a fan, poi imitatore e infine erede” – racconta – “Questa volta però non un’imitazione, ma una reinterpretazione. Un’aggiunta di sentimenti che restituisce la profondità necessaria per raccontarlo e farlo vivere ancora”.

Accanto a Fantozzi ritroviamo Pina, Mariangela, i colleghi Filini, Calboni, la signorina Silvani, la contessa Serbelloni Mazzanti Vien dal Mare e altri memorabili personaggi interpretati da Paolo Cresta, Cristiano Dessì, Lorenzo Fontana, Rossana Gay, Marcello Gravina, Simonetta Guarino, Ludovica Iannetti e Valentina Virando.

“Sogno di una notte di mezza estate”, lo spettacolo della Scuola LiguriAttori

Sabato 10 e lunedì 12 giugno 2023, alle ore 20, al Tiqu Teatro di Piazzetta Cambiaso, nel centro storico di Genova, è in programma lo spettacolo “Sogno di una notte di mezza estate”, portato in scena dagli allievi del laboratorio della Scuola di Recitazione e Comunicazione LiguriAttori di Sturla, diretta da Federica Ruggero e Luigi Marangoni. La regia dello spettacolo, a ingresso gratuito, è di Raffaele Casagrande, attore e docente stabile di LiguriAttori.

Come da tradizione, al termine dell’anno accademico di LiguriAttori è in programma uno spettacolo portato in scena dagli aspiranti attori in un teatro cittadino. Quest’anno, i protagonisti sono gli allievi del nuovo laboratorio di cinema e teatro introdotto lo scorso settembre e la scelta è ricaduta su un classico di William Shakespeare. «La grande novità dell’anno accademico 2022/23 – spiega Federica Ruggero – è stata la creazione di un corso avanzato che abbiamo chiamato LA-B, che nasce dall’esigenza dei nostri allievi, che hanno terminato il percorso di recitazione triennale, di vivere un’esperienza ancora più sfidante e immersiva. Abbiamo deciso di affiancare alla recitazione teatrale quella cinematografica che ha portato, nella prima parte dell’anno, alla realizzazione di un cortometraggio».

Aggiunge il codirettore Luigi Marangoni: «Quello in cui crediamo fortemente è la formazione continua, per questo stimoliamo i nostri allievi a fare esperienze in compagnie anche al di fuori di LiguriAttori, e nello stesso tempo creiamo nuove opportunità per formarsi lavorando a stretto contatto con professionisti di alto livello». Oltre ai due direttori, infatti, nel team di insegnanti ci sono attori e registi molto apprezzati come Cristina Pasino, Marco Taddei, Pier Luigi Pasino e Raffaele Casagrande.

Quest’anno, i 12 partecipanti del LA-B porteranno in scena un grande autore come Shakespeare, con un testo dal sapore estivo e divertente come “Sogno di una notte di mezza estate”. «Siamo felici di portare questo spettacolo al Tiqu – Teatro Internazionale di Quartiere – continua Luigi Marangoni – perché è un luogo teatrale magico, che svolge un ruolo importante sia per la nostra città sia a livello internazionale». L’ingresso alle due serate è gratuito ma è consigliata la prenotazione al numero 370 3286487 o via email a liguriattori@gmail.com.

Teatro Garage, si riparte…improvvisando!

In partenza a Genova la nuova stagione del Teatro Garage, che proporrà un variegato cartellone di spettacoli all’insegna della comicità, dell’improvvisazione, delle giovani eccellenze teatrali e del teatro per famiglie e bambini. Sono 51 gli spettacoli in programma sul palcoscenico della sala Diana di Via Paggi, nel quartiere di San Fruttuoso.

Maria Grazia Tirasso, direttrice artistica del Teatro Garage, a Babboleo.it

La stagione prenderà il via venerdì 30 settembre 2022 con ‘Survival’ , spettacolo di improvvisazione teatrale della compagnia Maniman. Sul palco si sfideranno 5 squadre d’improvvisatori, al termine del primo round il pubblico deciderà quale Storia e attori eliminare. Altri 2 round porteranno alla Finale le 2 squadre rimaste, ma sarà sempre il pubblico a decidere chi vincerà

Info e prevendite online https://www.teatrogarage.it/

Politeama Genovese, presentata la stagione teatrale 2022/2023

40 spettacoli, di cui 34 in abbonamento, è questa la proposta del Politeama Genovese in vista della stagione teatrale 2022/2023. Una stagione teatrale ricchissima nei numeri e nei generi: dal grande musical alla commedia, dal teatro comico agli show internazionali, dal teatro di narrazione alla danza italiana e mondiale. Un teatro interpretato, scritto e diretto da grandi nomi della scena teatrale contemporanea. Nell’offerta appunta ritorna il musical, uno spettacolo che è mancato negli ultimi anni a causa della pandemia.

“La vera stagione della ripartenza, 40 titoli a cui se ne aggiungeranno altri nelle prossime settimane. Finalmente torna il musical che durante la pandemia ha douto fermarsi per ovvie ragioni – afferma Danilo Staiti, direttore artistico del Politeama GenoveseNon mancheranno i comici, con grande spazio anche per quelli nostrani. Sono stati anni complicati, per tutti, ma per i teatri, quelli privat iin particolare. Il ministero ha riconosciuto nostro valore culturale, social ed economico perche nell’anno della pandemia abbiamo avuto sostegni importanti che ci hanno permesso di sopravvivere”.

“Il Politeama Genovese è un teatro importantissimo, un riferimento culturarle per la città di Genova – dice l’assessore regionale Ilaria CavoIl teatro propone un cartellone in piena ripartnza, sarà una stagione piena e all’insegna dei musical, della comicità, dei nostri talenti e di una grande energia. Una realtà che merita attenzione, cura e tanto pubblico che saprà apprezzare l’offerta presentata”.

“Genova è un trend in salita rispetto a tutta l’italia. A genova e dintori i teatri pullulano crescono creano cultura. aiuto ai giovani su qusto vorremo lavoarare proprio per fare in modo che siano igiovani ad avvicinarsi alle opere teatrali” – afferma l’assessore comunale Lorenza Rosso.

Teatro Nazionale di Genova, presentata la grande stagione della ripartenza

E’ stata presentata ufficialmente la stagione 2022/2023 del Teatro Nazionale di Genova, quella dell’auspicato ritorno alla normalità. «In questi anni complicati il nostro teatro non ha mai interrotto l’attività. Ora, per la prima volta, pensiamo e speriamo di poter vivere, finalmente, una stagione serena, gioiosa, emozionante» ha dichiarato il direttore Davide Livermore.

Un cartellone di grande respiro 65 spettacoli, di cui 17 produzioni, a cui si aggiungeranno i 6 spettacoli di uno speciale progetto produttivo previsto per maggio 2023. Sui palcoscenici del Teatro Nazionale saliranno grandi protagonisti come Milo Rau, Elisabetta Pozzi, Laura Marinoni, Claudio Bisio, Remo Girone, Laura Curino, Emma Dante, Pippo Delbono, Valerio Binasco, Giorgina Pi, Tullio Solenghi, Andrée Ruth Shammah, Linda Gennari, Paolo Fresu, Milvia Marigliano, Fabrizio Gifuni, Sax Nicosia, Concita De Gregorio, e molti altri. in un’armoniosa alternanza di drammaturgia contemporanea, grandi classici, dramma, commedia.

«Nonostante le difficoltà legate alla pandemia, la stagione appena conclusa è stata ricca di soddisfazioni, a partire dal G8 Project, che è stato insignito del Premio Speciale dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro, sino alla conferma della qualifica di Teatro Nazionale per il prossimo triennio da parte del Ministero della Cultura, che ha premiato il nostro lavoro, mettendoci ai primi posti della graduatoria per la valutazione artistica» afferma Alessandro Giglio, Presidente del Teatro Nazionale di Genova.

Andrea Porcheddu, drammaturgo del Teatro Nazionale, presenta la nuova stagione a Babboleo.it

https://www.teatronazionalegenova.it/

Stelle e Storie, al Parco dell’Acquasola c’è grande teatro (gratuito). Davide Livermore e Andrea Porcheddu

Si riaccendono i riflettori in una suggestiva location genovese, il Parco dell’Acquasola che dal 2 al 16 giugno ospiterà la rassegna “Stelle e Storie” prodotta dal Teatro Nazionale di Genova con il sostegno di Comune e Iren. Due spettacoli che parlano della Superba in modi ed epoche diverse:  La congiura del Fiesco a Genova di Friedrich Schiller, regia di Carlo Sciaccaluga (in replica sino al 14 giugno) e  Via della Maddalena di Marco Taddei, regia di Aleph Viola, in scena in prima nazionale dal 16 al  19 giugno.

Davide Livermore, direttore del Teatro Nazionale di Genova, presenta la rassegna a Babboleo.it

Il drammaturgo Andrea Porcheddu presenta i due spettacoli

INGRESSO GRATUITO CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
INFO 010 5342300

Ingresso spettatori lato Ponte Monumentale.
Il bar del parco resterà aperto sino all’inizio degli spettacoli.

https://www.teatronazionalegenova.it/stelle-e-storie-teatro-allacquasola/

Teatro del Ponente, weekend di danza (partecipata) e crowfunding

Sabato 14 e domenica 15 maggio al Teatro del Ponente di Genova-Voltri apre…il Dancing Bruno, una cavalcata nel ballo popolare dai primi del ‘900 agli anni ’70 dove non c’è barriera tra platea e palco e così pubblico e performer diventano co-protagonisti dello stesso gioco teatrale. Dancing Bruno è una coproduzione Sanpapiè e Fondazione Luzzati-Teatro della Tosse e andrà in scena sabato 15 maggio alle 20.30 e domenica 16 maggio alle 18.

Lara Guidetti, ideatrice e direttrice artistica dello spettacolo a Babboleo.it

Dal 14 maggio prende anche il via l’operazione di crowfunding ‘AFFACCIO A PONENTE’ per lanciare il restyling della facciata del Teatro del Ponente. Marina Petrillo, Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse

DANCING BRUNO

ideazione Lara Guidetti, Saverio Bari
con i contributi di Marco De Meo, Marcello Gori, Susanna Gozzetti, Cecilia Vecchio
coreografie e regia Lara Guidetti
testi Saverio Bari
musiche originali e fonica Marcello Gori
musica dal vivo Dino Stellini
costumi Daniela De Blasio
con Saverio Bari, Caterina Cescotti, Luis Fernando Colombo, Gioele Cosentino, Marco De Meo, Marcello Gori, Susanna Gozzetti, Lara Guidetti, Matteo Sacco, Cecilia Vecchio

Con la partecipazione degli allievi di DEOS – Danse Ensemble Opera Studio diretta da Giovanni Di Cicco

Coproduzione Sanpapié e Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse

Spettacoli, a Genova prosegue la rassegna del Teatro Necessario

Prosegue, con un buon riscontro di pubblico, la quarta rassegna di musica e teatro civile organizzata dal Teatro Necessario, laboratorio di integrazione sociale e lavorativo dedicato ai detenuti.

li spettacoli si svolgeranno nella casa circondariale di Marassi a Genova con due eventi che daranno il via alla stagione nel mese di aprile, “Delirio di una notte d’estate” e “Geppetto & Geppetto”.

Dopo la prima parte della rassegna dedicata alla musica, “Note d’autunno”, partita il 23 ottobre con ‘Come suona il caos’ e terminata con ‘A Christmas Welcome’ l’11 dicembre, è ora in corso la rassegna primaverile (“Parole di Primavera, per l’appunto), dedicata al teatro.

I primi spettacoli, ‘Delirio di una notte d’estate’ e ‘Geppetto & Geppetto’, sono in archivio: ora tocca a ‘Dialogo’, questa sera al Teatro dell’Arca. Il tempo per prenotarsi a questo spettacolo è esaurito, ma restano disponibili i biglietti per i quattro spettacoli successivi. Con una novità: ‘Ballarini’, ‘Un Bes -Antonio Ligabue’ e ‘Banana Split’ sono confermati, mentre lo spettacolo “Showtime”, di Igor Chierici e Luca Cicolella, sostituirà “Oceano mare e la zattera della Medusa”. Showtime sarà al Teatro dell’Arca nei giorni martedì 31 maggio e mercoledì 01 giugno alle ore 20.30.

Maggiori info su www.teatronecessariogenova.org

Qui sotto la Rassegna integrale della stagione 2021/22.

Nove mesi per crescere figlio e nascere madre. In prima nazionale a Genova ‘Amare Cannibale’

Nove mesi di gravidanza: sta per nascere un figlio ma anche una madre: la magia e la poesia dell’attesa vanno a braccetto con le difficoltà legate ad una serie di enormi cambiamenti. Amare Cannibale, spettacolo in scena in prima nazionale al Teatro della Tosse dal 6 all’8 maggio, attraversa su questi due binari il tema della maternità.

Scritto e diretto da Mariagrazia Pompei Il testo nasce dalle interviste e confronti con  giovani donne, diverse tra loro per età, ceto sociale, storia politica e religione, punti di vista sulla coppia e scelte lavorative. Racconti eterogenei di una stessa condizione che hanno dato origine ad un testo teatrale scandito in nove capitoli dove, in una vertigine comica grottesca, si rivelano le sconcertanti trasformazioni di una donna durante il periodo di gestazione.

Mariagrazia Pompei a Babboleo.it

testo e regia Mariagrazia Pompei
con Valentina Favella, Francesca Diprima, Riccardo Pieretti
lighting design Giacomo Carusi
live video e video mapping Pietro Cardarelli
musica & sound design Giorgio Bertinelli
fonica Pier Francesco Pelle
realizzazione scene Larbi Sakouhi
costumi Francesca Romana Parisini
assistente alla regia Giulia Cerrone
produzione Magma e Fondazione Luzzati-Teatro della Tosse