Tecnologia – Babboleo

Tecnologia

test tube, covid-19, mask-5065426.jpg

MIP-C E COVID, BASSETTI: ‘CONDIZIONE RARA, NO ALLARMISMI’

Si chiama Mip-C, ed è una nuova malattia collegata al Covid emersa dagli studi di un gruppo di ricercatori internazionali, una patologia rara che riguarda una condizione che può svilupparsi in pazienti già affetti da Covid anche con sintomi lievi o asintomatici. Mip-C è l’acronimo con cui si indica una ‘autoimmunità Mda5 e una polmonite interstiziale’. “No ad allarmismi”, avverte però l’infettivologo genovese Matteo Bassetti.
Si tratta “di una malattia autoimmune che può essere indotta da Sars-CoV-2 – spiega Bassetti – può aver ‘acceso’ alcune patologie autoimmuni ma non è tale da creare allarmi”.

“Lo sport è un’opera d’arte”, dal 24 al 26 maggio a Genova torna la Festa dello Sport

Porto Antico di Genova pronto a trasformarsi nella più grande palestra a cielo aperto d’Italia per la 20esima edizione della Festa dello Sport

132 differenti attività gratuite con assistenza di istruttori e insegnanti in uno spazio di oltre 140mila metri quadrati, frutto del lavoro sinergico con oltre 200 tra Associazioni ed Enti sportivi, ma anche tecnici, istruttori qualificati e tante “stelle sportive” pronte ad incontrare e giocare con i più giovani.

Molto attesa l’Olimpiade delle Scuole, venerdì 24 maggio, che coinvolge 2mila studenti di oltre 100 classi in arrivo da tutta la Liguria, pronti a cimentarsi nelle più svariate discipline sportive. Il tutto ne “Le Village Paris/Genova 2024”, realizzato da Alliance Francaise de Genes e Ambasciata di Francia in Italia per celebrale Les Jeux Olympiques et Paralympiques Paris 2024. Tutta l’area di Calata Gadda verrà trasformata in un inedito villaggio olimpico nel quale si potranno fare giochi, gare, quiz, tutto ispirato ai giochi olimpici.

Evento emblematico del valore dello sport nella nostra città” – spiega il Presidente di Porto Antico di Genova Spa Mauro Ferrando – “nonché riconoscimento delle tradizioni sportive e dei risultati delle nostre società sportive“.

Il segreto della Festa dello Sport non è più un segreto per nessuno” – dice la responsabile eventi di Porto Antico di Genova Spa Luisella Tealdi“è la passione, che muove tutti noi a organizzare questo evento sempre più grande, sempre più affollato e sempre più amato”.

Occasione unica per migliaia di giovani liguri, che grazie alla presentazione di società e federazioni possono conoscere nuove discipline e imparare i valori dello sport” – commenta l’assessore allo sport di Regione Liguria Simona Ferro – “Evento che cresce di anno in anno diventando sempre più inclusivo e attrattivo”.

“Dopo aver festeggiato i 25 anni di Stelle nello Sport, nell’anno di Genova 2024 Capitale europea dello Sport, un altro traguardo prestigioso” – dichiara l’assessore allo sport del Comune di Genova Alessandra Bianchi – “Una festa all’insegna della condivisione, dell’entusiasmo e dell’inclusione”.

Un momento magico in cui tutto il mondo sportivo genovese e ligure si ritrova per promuovere lo sport e i suoi valori” – racconta il Presidente di Stelle nello sport Michele Corti – “per migliaia di giovani sarà emozionante poter incontrare le grandi ‘stelle sportive’ che anche quest’anno scenderanno in campo”.

Ad anticipare la tre giorni di sport, giovedì 23 maggio la Baby Maratone e il Galà delle Stelle nello Sport, che compie 25anni e celebra i migliori sportivi liguri a livello internazionale: dai “big” Gudmundsson, Fondelli e Corradino, fino ad arrivare ai giovanissimi talenti che saranno premiati dalle legende dello sport internazionale.

Venerdì poi la giornata delle Olimpiadi delle Scuole, poi nel pomeriggio la Festa dei 15 anni dei Rookies e alle 18 il Gala della Danza UISP.
Sabato e domenica dalle 10 alle 19 migliaia di sportivi di tutte le età si potranno cimentare nelle discipline più tradizionali e innovative: dal calcio, all’atletica leggera, tennis e padel, ciclismo, golf, il football americano e il simulatore di volo dell’Areonautica Militare.

Programmi, orari e info su: https://portoantico.it/events/festa-dello-sport-2024

earthquake, fracture, asphalt-1665892.jpg

TERREMOTO IN LIGURIA, QUESTA VOLTA NON IN POLITICA MA UN SISMA VERO E PROPRIO DAVANTI ALLE COSTE DI SAVONA.

Un altro terremoto in Liguria: dopo quello che ha scoperchiato la bolla della corruzione in Liguria ora arrivano anche le scosse vere e proprie, come quelle registrate mercoledì sera nel savonese, davanti alle coste. Una lieve scossa è stata registrata dall’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia al largo di Savona ad una profondità di 9 km. Ma la Liguria non era considerata terra dal basso rischio sismico? Ne abbiamo parlato con un esperto, Daniele Spallarossa, docente di sismologia dell’Università di Genova e responsabile della rete sismica.

village, buildings, architecture-7327480.jpg

OVERTOURISM, IDEA BIGLIETTO D’ACCESSO ALLE 5 TERRE PER CHI SCEGLIE TURISMO MORDI E FUGGI

Superare l’Overtourism nel contesto delle Cinque Terre con nuove misure tra cui una sorta di ‘biglietto di ingresso’ per chi sceglie il soggiorno in giornata, mordi e fuggi, a dispetto di una permanenza di almeno una notte. E’ un’ipotesi al momento quella della Cna della Liguria in materia di turismo, il modello è quanto è già stato fatto a Venezia. Nel corso di un incontro l’idea nasce dall’analisi realizzata dal Dipartimento d’Economia dell’Università di Genova su proposta di Cna Liguria che identifica un problema relativo ad alcuni singoli periodi per quanto riguarda proprio l’overtourism. Ascolta l’intervista al Presidente Cna Massimo Giacchetta. 

surfing, sunset, waves-2212948.jpg

VARAZZE PROMOSSA A CAPITALE DEL SURF VERSO LA STAGIONE ESTIVA 2024

Varazze capitale del surf, in tutte le stagioni e anche di notte come in solo 2 ‘spot’ in tutta Europa. Non è la California ma la riviera savonese, promossa anche dalle riviste sportive e di settore a capitale incontrastata di onde e tavola. “Da 20 anni siamo diventati un riferimento – racconta il sindaco Luigi Pierfederici – che richiama qui turisti sportivi e appassionati ed è una bella cartolina per la città ma anche per la Liguria”. Ascolta l’intervista sul nostro sito.

“Sette minuti” tornano sul palcoscenico gli attori detenuti della compagnia ‘Gli scatenati’

Prosegue la sesta edizione di Voci dall’Arca la rassegna di musica e teatro dell’Associazione Teatro Necessario Onlus che, dal 2005, mette in scena spettacoli insieme ai detenuti della Casa Circondariale di Genova Marassi.

Il prossimo appuntamento il 7 maggio al teatro Ivo Chiesa con lo spettacolo “ Sette minuti” e saranno proprio gli attori detenuti della compagnia Gli Scatenati ad andare in scena. Le repliche dal 14 al 18 maggio al Teatro dell’Arca della casa circondariale di Genova Marassi.

Un tema molto scottante, quello del lavoro dei diritti e degli incidenti sul lavoro” – racconta ai microfoni di Radio Babboleo la presidente dell’associazione Teatro Necessario Mirella Cannata – “I diritti dei lavoratori non sono mai scontati e non vanno mai persi di vista”.

Per prenotazioni o maggiori informazioni visita il sito: teatronecessariogenova.org

Voci Dall’Arca al Teatro Ivo Chiesa con “Sette Minuti”

Prosegue la sesta edizione della rassegna di Teatro Necessario “Voci dall’arca” e, questa volta, il tema ” Dato il posto in cui ci troviamo”, scelto per questa stagione 2023/24, porterà la compagnia “Scatenati”, composta da attori detenuti della Casa Circondariale di Genova Marassi, al Teatro Ivo Chiesa di Genova con uno spettacolo, diretto da Matteo Alfonso e liberamente ispirato a Sette minuti di Stefano Massini.

Una squadra di operai riunita in una grande stanza, davanti a loro una scelta. La loro fabbrica, il centro siderurgico di Taranto, è stata venduta ad una multinazionale. Quale sarà il loro destino?

La risposta non tarda ad arrivare ed è all’apparenza tranquillizzante. Non ci saranno licenziamenti ma una piccola clausola nell’accordo, dovrà essere accettata dai lavoratori. Chiusi nella stanza a discutere, gli undici operai dovranno decidere se questa clausola è veramente piccola come sembra o se, al contrario, non nasconda una trappola in grado di provocare pesanti conseguenze. A poco a poco il dibattito si accende e ognuno sarà costretto a ripercorrere pubblicamente la propria vita prima di arrivare al voto, portando in scena una coinvolgente riflessione sul lavoro e i diritti nella nostra società.

Dopo i quattro spettacoli dedicati alle opere di William Shakespeare si passa così al teatro politico contemporaneo con un testo del drammaturgo fiorentino, unico italiano a vincere il prestigioso Tony Award, è costruito attorno a un fatto realmente accaduto in Francia.

Sette Minuti sarà in scena al Teatro Ivo Chiesa di Genova martedì 7 maggio e dal 14 al 18 maggio 2024 sul palco del Teatro dell’Arca.

Info e Biglietti su teatronazionalegenova.it e su teatronecessariogenova.org

fox, wildlife, wild animal-5303221.jpg

FAUNA SELVATICA, DALLA STORIA DELLA VOLPE ‘DOMESTICA’ AI CONSIGLI DELL’ENPA PER CHI SOCCORRE UN CUCCIOLO.

In primavera si moltiplicano gli incontri con animali e specie di fauna selvatica, anche in Liguria. Utile sapere quali sono le regole per gestire il ritrovamento di un cucciolo, nel caso di un capriolo o di una volpe, se ferito o meno. E lo spunto per parlarne arriva dalla storia di ‘Speedy Mino’, una volpe che era stata salvata a Savona da una famiglia che l’ha resa in pratica un animale domestico. Con però il problema che l’animale non potrà mai più essere rimesso in libertà e tornare alla natura. Di Speedy Mino si è presa cura l’Enpa di Savona, che l’ha poi adottata, curata per un anno e le ha dato una casa prendendosi cura dell’esemplare.
Il racconto di Daria Giordanello del Cras Enpa di Cadibona. Ascolta l’intervista sul sito.

“Planet VS Plastic”, la lotta alla plastica il cuore della 54esima giornata mondiale della terra

Nata come movimento universitario e ufficialmente istituita il 22 aprile 1970, quest’anno la 54esima edizione dell’Earth Day – giornata mondiale della terra.
Tema di questo 2024 “Planet vs Plastic”, per accendere i riflettori su un grande problema ambientale con il solo 9% del totale della plastica prodotta nel mondo che viene riciclata. C’è quindi ancora molto da fare per raggiungere l’obiettivo della riduzione del 60% della produzione di tutte le plastiche entro il 2040.

Importante agire attivamente e sensibilizzare per vincere la battaglia contro i danni ambientali” – racconta ai microfoni di Radio Babboleo Miriam Loverso, referente regionale Plastic Free , l’organizzazione di volontariato attiva sul territorio con giornate di pulizia e di sensibilizzazione – “una media di rifiuti plastici raccolti di 300kg ma anche una costante informazione e sensibilizzazione nelle scuole: abbiamo installato erogatori d’acqua per il riempimento delle borracce ed è incredibile vedere l’entusiasmo dei più giovani e l’amore che già hanno per il pianeta”.

Ridurre i materiali plastici monouso, preferire materiali riutilizzabili non dannosi per l’ambiente, fare la differenziata e ridurre il riciclo, tra i consigli per ridurre l’utilizzo quotidiano della plastica. Ma anche una campagna proposta da Plastic Free riguardante i palloncini dispersi nell’ambiente: “tematica abbracciata da diversi comuni liguri, come Ceriale e Millesimo, che hanno attivato ordinanze per vietare il rilascio in volo di palloncini che poi vengono scambiati dagli animali per cibo con effetti letali”.

Nel weekend diversi appuntamenti dal ponente al levante ligure per la raccolta dei rifiuti plastici.

Giornata per la donazione di organi, “finalmente una vita normale”

“Dopo due trapianti, ora sta funzionando egregiamente e la vita ritorna nella sua normalità” – racconta ai microfoni di Radio Babboleo Fausto Repetto, presidente Associazione nazionale emodializzati sezione della Spezia in occasione della giornata nazionale per la donazione di organi che si celebra il 14 aprile – “passare dalla dialisi ad un trapianto funzionante vuol dire tornare alla normalità”.

Un batterio da streptococco che ha colpito entrambi i reni a portarlo in dialisi. Solo dopo diversi anni il primo trapianto che non funzionò molto bene, poi nel 2008 un nuovo trapianto che ha fatto la differenza. “Dietro ai numeri ci sono persone che aspettano per anni un organo, il donare è il miglior atto di altruismo” – continua Repetto – “dovremmo investire di più in Liguria nelle neurochirurgie per mettere dottori che facciano solo lavoro di sensibilizzazione per la donazione perchè un paziente in dialisi costa migliaia di euro al mese, con il trapianto regali autonomia”.

Giunto alla 27esima edizione, l’evento promosso dal ministero della Salute è l’occasione per far riflettere sull’importanza di questo gesto solidale anche in Liguria.

Ascolta qui l’intervista integrale a Fausto Repetto