Ai teatri Ivo Chiesa e Modena i primi 5 spettacoli per riflettere sul G8 vent’anni dopo – Babboleo

Ai teatri Ivo Chiesa e Modena i primi 5 spettacoli per riflettere sul G8 vent’anni dopo

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Ha preso il via sui palcoscenici dei teatri Ivo Chiesa e Gustavo Modena la rassegna Il mondo che abbiamo-The World We Have, nove spettacoli tra memoria e futuro messi in scena nell’ambito dell’evento ”G8 PROJECT” ideato dal Teatro Nazionale di Genova, per riflettere sui temi della convivenza civile, delle relazioni internazionali e della politica culturale a vent’anni dai tragici fatti di Genova.

Il Teatro Nazionale ha invitato nove autori e autrici provenienti dai paesi presenti al G8 di venti anni fa a partecipare, ciascuno con una pièce scritta per l’occasione. Mattia Scarsi, Ufficio Stampa del Teatro, ha presentato a Babboleo.it gli spettacoli in cartellone sino al 17 ottobre: 

TEATRO IVO CHIESA

dal 10 al 17 ottobre al Teatro Ivo Chiesa
–  SHERPA di Roland Schimmelpfennig, regia di Giorgina Pi
–  OUR HEART LEARNS di Guillermo Verdecchia, regia Mercedes Martini

TEATRO GUSTAVO MODENA

dal 10 al 17 ottobre al Teatro Gustavo Modena
–  GENOVA 21 testo e regia di Fausto Paravidino
–  IN SITU testo e regia di Nathalie Fillion
–  DATI SENSIBILI: NEW CONSTRUCTIVE ETHICS di Ivan Vyrypaev, regia Teodoro Bonci del Bene

https://www.teatronazionalegenova.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo