‘Genova città turrita’: così la presentavano le monete nel 1200 – Babboleo

‘Genova città turrita’: così la presentavano le monete nel 1200

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp


Per 500 anni il simbolo di Genova, sulle monete cittadine, furono le torri. Quando, nel 1138, i padri della Compagna Communis (così veniva chiamata l’organizzazione territoriale di Genova nel Medioevo) si trovarono a scegliere un simbolo della città da apporre sulle monete genovesi, scelsero le torri. Per quale motivo?


Nel XII secolo, Genova era circondata da una possente cinta muraria, con archi, volte e soprattutto torri (pensiamo a Porta Soprana, tutt’ora esistente). Per questo motivo, si decise di stilizzare la città rappresentandola proprio con le torri su una delle due facce delle monete.


Oggi Genova si presenta diversamente: se dovessimo sceglierne un simbolo cittadino, tutti opteremmo per la Lanterna. Ma all’epoca la scelta si rivelò davvero vincente: Genova si presentò come ‘città turrita’ sulle monete fino al 1638, per addirittura cinque secoli. E in un certo senso, Porta Soprana domina tuttora su Piazza Dante e sul Centro Storico della città.


Grazie a Guido Rossi e Anna Orlando, curatrici della mostra Il Re Denaro per averci raccontato questa curiosità che si lega a Genova e alle sue monete. La mostra è visitabile fino al 12 dicembre a Palazzo della Meridiana, nei Musei di Strada Nuova.

RispondiInoltra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo