‘Pelle’ in live streaming dal teatro del carcere di Marassi – Babboleo

‘Pelle’ in live streaming dal teatro del carcere di Marassi

Condividi questo Post

Un progetto di grande valore per i detenuti e per la creazione di un ponte tra la realtà del carcere e la città: è il Teatro dell’Arca, una sala polifunzionale all’interno della casa circondariale di Marassi, dove dal 2016 vengono realizzati e messi in scena dai reclusi spettacoli destinati non solo alla popolazione carceraria ma anche al pubblico esterno, strutturati in un vero e proprio cartellone stagionale.

Le attività del Teatro dell’Arca, coordinate dall’associazione Teatro Necessario, prevedono l’ospitalità di spettacoli esterni, l’ organizzazione di laboratori teatrali. convegni, conferenze e attività culturali. Vengono inoltre svolti corsi di formazione professionale legati al mondo del teatro come scenotecnica, illuminotecnica e fonica.

Dopo lo stop ai teatri per l’emergenza Covid, la rassegna Voci dall’Arca prosegue in live streaming. Il prossimo appuntamento in cartellone è lo spettacolo ‘PELLE’ messo in scena dalla compagnia La Danza Sociale sabato 14 novembre.

Lo spettacolo sarà trasmesso in diretta a partire dalle 20.30 sulla pagina Facebook di Teatro Necessario Onlus.

https://www.teatronecessariogenova.org/tno-tda/wp-content/uploads/2020/11/teatro-dellArca-14-novembre-pelle.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri di più...

Recensioni Cinema

ELVIS, la recensione di Maria Francesca Genovese

Babboleo.it presenta le recensioni del critico cinematografico Maria Francesca Genovese sulle principali proposte e novità cinematografiche del periodo. Il film di questa settimana è ELVIS di Baz Luhrmann

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo