Torna la Fionda di legno. Ad Albenga il premio ad Antonio Albanese – Babboleo

Torna la Fionda di legno. Ad Albenga il premio ad Antonio Albanese

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Dopo un anno stop per l’emergenza Covid torna in scena la ‘Fionda di legno’, il premio assegnato annualmente dall’associazione Fieui di Caruggi di Albenga ad artisti e personaggi pubblici che, attraverso la propria attività, si battono  contro la violenza, le truffe e in difesa della solidarietà e dei valori della vita.

La prima fionda di legno venne assegnata nel 2007 ad Antonio Ricci, nelle edizioni successive sono stati premiati il trio di comici Balbontin, Ceccon e Casalino, Fabrizio De Andrè (premio ritirato da Dori Ghezzi), Paolo Villaggio, Milena Gabanelli, Roberto Vecchioni & Don Gallo, Carlin Petrini, Don Mazzi, Fiorella Mannoia, Javier Zanetti, Nomadi & Brunello Cucinelli, Michelle Hunziker & Giulia Bongiorno, Giulia Brignano e Don Ciotti nel 2019.

La nuova Fionda sarà così finalmente consegnata ad Antonio Albanese, scelto dalla giuria per i personaggi da lui creati attraverso i quali viene messa in risalto un’Italia in crisi di solidarietà, altruismo e condivisione ed una politica  gretta, cinica e distante dalle istanze dei cittadini.

La consegna del premio avverrà la sera di domenica 18 luglio ad Albenga in piazza Enzo Tortora con la conduzione sul palco di Mario Mesiano e l’intervento di Antonio Ricci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo