Cities after dark: Genova a Parigi per il progetto europeo per promuovere una sicura economia notturna – Babboleo

Cities after dark: Genova a Parigi per il progetto europeo per promuovere una sicura economia notturna

Condividi questo Post

Anche Genova a Parigi per il meeting Cities after dark, progetto europeo che ha come partner le città di Genova, Braga, Budva, Malaga, Nicosia, Parigi, Pireo, Tallinn, Varna, Zadar. L’obiettivo quello di costruire forme di amministrazione condivise e di politiche integrate, per rivitalizzare le economie locali notturne e rendere le città più sicure, accessibili e attraenti per tutti.

Sfide principali: la vivacità della vita culturale, la sicurezza degli spazi urbani, l’inquinamento acustico e luminoso, gli orari di erogazione degli alcolici, gli orari di apertura dei locali, la parità di genere, l’uso degli spazi pubblici.

“Un importante scambio tra 10 grandi città europee, per esaminare idee e proposte e per attivare collaborazioni di governance che trasformino l’economia della notte in una vera e propria leva per la crescita, la sostenibilità e la ripresa dei territori e che, nel contempo, garantiscano a tutti il diritto di vivere la città by night, traguardando alti livelli di vivibilità degli spazi urbani” – sostiene Francesca Corso l’assessore al Marketing territoriale“Un tema che, finora focalizzato sui settori dell’intrattenimento, del tempo libero e del turismo, oggi ha assunto le caratteristiche di uno spazio per lo sviluppo di soluzioni migliorative della progettazione urbana, dei servizi e della qualità della vita per tutti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo