Torna la Genova BeDesign Week, dal 22 al 26 maggio per le strade del Centro Storico – Babboleo

Torna la Genova BeDesign Week, dal 22 al 26 maggio per le strade del Centro Storico

Condividi questo Post

Il design torna protagonista per le strade del Centro Storico con il ritorno della Genova BeDesign Week dal 22 al 26 maggio 2024, la manifestazione del design a cielo aperto che anche quest’anno, per la sua quinta edizione, offrirà l’opportunità di esplorare nuovi orizzonti creativi ed analizzarne l’impatto sulla società in evoluzione. Sono 166 gli espositori coinvolti e 122 gli appuntamenti in calendario suddivisi tra convegni (20), eventi nel distretto (46), eventi fuori distretto (19), momenti musicali (35) e mostre (2). In aumento anche i luoghi espositivi (110) tra atri di palazzi (42), attività del distretto (36) e fuori dal distretto (7), piazze (12) aperte al pubblico nei cinque giorni della manifestazione organizzata dal Dide – Distretto del Design di Genova con il supporto e la collaborazione di Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova e Ascom Confcommercio Genova. Numeri rilevanti che testimoniano la crescita costante di un evento che dal 2018 ha valorizzato la rive gouche del Centro Storico – la zona compresa tra via San Lorenzo, via San Bernardo e Santa Maria di Castello – e coinvolto un numero sempre più alto di professionisti del settore.

Il nuovo tema sarà il design in movimento con quattro nuovi percorsi da vivere per riflettere sulla capacità di adattamento, rispondere alle sfide contemporanee e adottare nuove tecnologie, materiali o processi creativi. Primo tema, outdoor senza confini, ovvero una riflessione sullo spazio esterno, pubblico o privato, con particolare riferimento ai nuovi modelli di progettazione del verde sostenibile, declinati secondo le diverse condizioni spaziali delle aree espositive. Genova città verticale per eccellenza presterà location inedite per raccontare come l’intervento progettuale possa declinarsi a seconda dell’ambiente, delle necessità funzionali e delle risorse disponibili. I percorsi si articoleranno all’interno di androni e cortili, terrazze private e piazze storiche. Ognuna di queste situazioni sarà la sintesi del lavoro di progettisti, espositori e vivaisti configurando soluzioni specifiche e innovative per ogni tema. Durante la Genova BeDesign Week gli spazi saranno scenario di conferenze, laboratori, concerti e performance pensati in commistione con la specificità degli allestimenti. L’edizione darà un particolare peso ai nuovi modelli di progettazione del verde sostenibile. Approcci come quello del “dry garden” e dello “xeriscaping”, filosofie che puntano al raggiungimento della quasi autosufficienza idrica e alla bassa manutenzione del verde verranno introdotte al pubblico e declinate secondo le diverse condizioni spaziali delle aree espositive. Nello specifico l’utilizzo di definite “eroiche” data la loro capacità di sopravvivere con pochissima irrigazione e scarsa manutenzione sarà il grande tema unificante delle installazioni outdoor 2024.

Secondo tema, viaggio sensoriale alla scoperta degli interni, dove la casa diventa una tela espressiva e avvolgente. Un ponte tra i progettisti e gli appassionati di design che fornisce ispirazione e informazioni sulle ultime tendenze e innovazioni nel settore delle finiture degli interni.

Terzo tema, i container, percorso espositivo itinerante che vuole comunicare l’idea del “contenitore”, come involucri che racchiudono oggetti, sensazioni e pensieri e dove l’Interior Design si possa esprimere senza costrizioni e il progettista possa ricreare la propria personale espressività, una mostra espositiva che in una città di mare come Genova trova il suo milieu ideale, il container: oggetto che evoca viaggi, grandi distanze ma che rappresenta soprattutto un “contenitore” come involucro che racchiude oggetti, sensazioni e ispirazioni. Lo strumento d’eccellenza del trasporto merci si trasforma, sotto l’egida dell’ideatore e curatore Massimiliano Dalle Sasse, architetto e fondatore di DLA design Lab, nel teatro di un viaggio nell’opera di progettisti d’interni contemporanei, in uno spazio inatteso di riflessione inserito nella quotidianità urbana. L’esposizione, che si basa sulla loro decontestualizzazione, li vedrà collocati in Piazza San Lorenzo e Piazza Matteotti, punti cruciali e centrali per Genova legandone, idealmente, ogni realtà. Un abbraccio simbolico per creare una mostra collettiva a cielo aperto.

Quarto e ormai cavallo di battaglia, designer under 35, flussi creativi, il contest curato da Laura Palazzini dello studio a4 architetti associati, un progetto pensato per le persone e dedicato alle persone, in particolare ai giovani designer. Esporranno, dopo una selezione effettuata dal comitato scientifico di 65 proposte, oltre 40 designer provenienti da tutto il territorio nazionale con 37 progetti selezionati dal comitato scientifico composto da ADI Liguria, Università di Genova Dipartimento di Architettura e Design e l’Ordine degli Architetti di Genova. Le sedi espositive sono 20 che verranno segnalate con apposite matite di legno alte 250 cm realizzate a testa in giù da una delle ultime tornerie artistiche di Genova e colorate dalla Falegnameria Sociale utilizzando i colori dello sponsor tecnico Boero. Il comitato scientifico, formato da Università, ADI, Ordine degli Architetti e il DiDe, selezionerà cinque designer “vincitori” che avranno anche la possibilità di esporre i loro progetti e prototipi nel Museo del Design di Milano. Per una settimana saranno ospiti della struttura, che dedicherà loro una presentazione nel foyer. Nell’ambito della stessa selezione i progetti meritevoli verranno anche segnalati ad aziende del settore e riconosciuti con i premi di Afis, main sponsor Genova BeDesign Week.

«Genova si prepara ad ospitare un’edizione ancora più ricca di contenuti e novità ma sempre con gli stessi obiettivi: valorizzare il territorio attraverso la creatività del design e diventare sempre più evento di qualità grazie agli espositori e ad iniziative collaterali come l’anteprima del Design Festival – spiega Elisabetta Rossetti, presidente del Dide_Distretto del Design di Genova -. Con uno sguardo sempre attento rivolto ai giovani, in particolare ai professionisti under 35, grazie al concorso che dallo scorso anno li vede protagonisti».

«Per questa edizione apriamo le porte della sede di via Garibaldi e del palazzo della Borsa per ospitare due incontri del ciclo Rifugi dell’anima. 3 eventi, 3 progettisti, 3 visioni su come il design delle nostre case ci riflette e ci trasforma – dichiara Maurizio Caviglia, Segretario Generale Camera di Commercio di Genova -. Ma soprattutto, siamo lieti di poter annoverare fra gli eventi in palinsesto il Paolo Odone Special Award per i designer emergenti: un ulteriore segno della grande attenzione che il nostro ex presidente ha sempre dedicato alla forza dirompente dell’innovazione e della creatività giovanile».

«Lo sguardo sulla città, che da cinque anni ci offrono architetti e designer, ci ha permesso di riscoprire un centro storico dinamico e contemporaneo con interessanti risvolti in ambito economico e di rigenerazione urbana, dando il via al processo di “riappropriazione di spazi cittadini” che oggi sono riconosciuti come parte integrante del Distretto del Design – afferma Alessio Piana, Assessore Regionale allo Sviluppo Economico -. L’area compresa tra San Lorenzo, San Bernardo e Santa Maria di Castello, grazie a questo progetto collettivo è diventata sede di un numero sempre maggiore di attività economiche legate ai settori dell’arte e del design».

«Questa manifestazione è uno degli esempi più evidenti di come la sinergia tra enti pubblici, sistema camerale ed imprese possa trasformarsi in un volano ideale per coniugare economia, bellezza, arte e creatività a beneficio di tutti – ha dichiarato Paola Bordilli, Assessore Comunale al Commercio e all’Artigianato -. Ritengo molto importante anche lo spazio sempre più ampio che viene offerto agli under 35 che nell’ultima edizione ci hanno entusiasmato con la loro energia e professionalità».

«Siamo arrivati alla quinta edizione del distretto del design con un successo ormai consolidato e che quest’anno ci ha visto sostenere anche la parte del design talk , come Confcommercio da sempre abbiamo creduto nel potenziale di questa manifestazione e siamo orgogliosi che gli organizzatori abbaino deciso di inserire un riconoscimento speciale al nostro amato Presidente il “Paolo Odone Special Award” – dice Alessandro Cavo, Presidente di ASCOM Confcommercio Genovaè un premio speciale dedicato alla memoria di Paolo Odone, ex presidente della Camera di Commercio di Genova e di Ascom Confcommercio Genova, destinato ai designer emergenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo