69 donne su 100 hanno subito molestie e violenze sul lavoro: lottare attraverso la formazione – Babboleo

69 donne su 100 hanno subito molestie e violenze sul lavoro: lottare attraverso la formazione

Condividi questo Post

Cento donne in Liguria. Di queste 33 sono state vittime di molestia, 24 di molestia sessuale e 12 hanno subito violenze, mentre solo le restanti 31 hanno dichiarato di non aver mai subito soprusi. Questi i dati allarmanti emersi dal questionario anonimo del CPO Uil Liguria cui è stato sottoposto un campione di 100 lavoratrici per parlare di violenze e molestie nei luoghi di lavoro. Gli autori 69 di cui 67 uomini e 2 donne: 30 superiori, 13 datori di lavoro, 7 colleghi e 19 utenti. “Dati sconcertanti che indicano una sottovalutazione del problema, spesso le donne molestate o abusate non hanno neanche percezione del torto subito”  – racconta ai microfoni di Radio Babboleo Martina Pittaluga,  coordinatrice regionale CPO UIL Liguria – “le donne hanno paura non solo di denunciare ma anche di rispondere ad un questionario anonimo. C’è ancora molto timore a raccontare cosa succede sul luogo di lavoro“.

Mobbing, calunnie, diffamazione, molestie verbali, body shaming. Da questi dati parte la volontà di formare le nuove generazioni per eliminare discriminazioni e sopraffazione di genere nei luoghi di lavoro. Questo l’obiettivo del percorso “Donne al lavoro: contrasto alle discriminazioni per il benessere nei luoghi di lavoro” promosso dal coordinamento regionale delle Pari Opportunità e delle Politiche di Genere della Uil Liguria per discutere di comportamenti misogini, integrazione tra i generi, valorizzazione e pari opportunità. “L’obiettivo quello di formare per riconoscere le discriminazioni sui luoghi di lavoro e approfondire con esperti del settore, da avvocati a giuslavoristi, giornalisti e psicologi” – continua Martina Pittaluga – “molte lavoratrici non riconoscono neanche di essere discriminate o violentante anche dal punto di vista psicologico perchè permeate da una cultura che per prime ci fa sentire il senso di colpa“.

Oggi l’ultima giornata di incontri per il percorso di formazione: “ultimo giorno di discussione, in un giorno molto triste per l’Italia, giornata dei funerali di Giulia Checchettin”.

L’intervista integrale alla coordinatrice regionale CPO Uil Liguria Martina Pittaluga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo