Campo Ligure aspetta la sua madonnina, entro fine aprile dovrebbero terminare i lavori sulla statale – Babboleo

Campo Ligure aspetta la sua madonnina, entro fine aprile dovrebbero terminare i lavori sulla statale

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Respiro di sollievo per la Valle Stura e per gli abitanti di Campo Ligure che, salvo imprevisti o brusche frenate, entro aprile potranno nuovamente avere la loro cappelletta, con la Madonnina, franata nell’ottobre del 2019 quando, sulla Valle Stura, si scagliò una vera e propria alluvione. Sono infatti partiti ufficialmente i lavori di messa in sicurezza della statale del Turchino 456, interrotta dalla frana nell’autunno del 2019. All’avvio simbolico dei cantieri, quest’oggi (mercoledì 3 febbraio ndr), era presente anche l’assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone. Soddisfazione da parte del sindaco di Campo Ligure Gianni Oliveri, intervenuto ai microfoni di Babboleo News – cosa succede in Liguria, che definisce “questa giornata, una bella giornata”. Retrogusto ancora amaro invece, per quanto riguarda la frana del Gnocchetto, i cui lavori dovrebbero partire in primavera, ad aprile, e che per ora continua a provocare enormi disagi agli abitanti della Valle e ai tanti pendolari, anche del basso Piemonte. “Ancora nessuna importante novità, siamo sempre in stallo”, ha spiegato Oliveri.

Ascolta l’intervista completa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo