Coronavirus, settore del turismo e dei viaggi: per le partite iva calo del 90% del fatturato

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

L’Italia è entrata ufficialmente in zona rossa, dopo l’ultimo decreto del Governo, dal 24 al 27 dicembre, dal 31 dicembre al 3 gennaio, e poi ancora il 5 e 6 gennaio. Il Paese declasserà in zona arancione nei giorni 28, 29 e 30 dicembre e 4 gennaio. E così, tra i settori che l’emergenza sanitaria da Sars-Cov-2 ha messo maggiormente in ginocchio, c’è anche quello del turismo e dei viaggi che, soprattutto in questo periodo di festività, risente delle chiusure non solo nazionali ma mondiali. “Personalmente – spiega ai microfoni di Babboleo New Elisabetta Mazzi, consulente programmazione viaggi e accompagnatrice turistica – in questi mesi ho perso circa il 90% del fatturato”. Elisabetta Mazzi è una libera professionista con partita iva che, per sopperire al calo vertiginoso del fatturato, ha ricevuto solo i primi ristori, dopo il lockdown di marzo. “In Liguria a mancare sono stati anche i turisti internazionali, tra loro soprattutto gli americani”, racconta Mazzi. Ascolta l’intervista completa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo