Covid: a Varazze manifesti shock no-vax. Il sindaco: “Valutiamo denunce, città attenta e unita su vaccini”. – Babboleo

Covid: a Varazze manifesti shock no-vax. Il sindaco: “Valutiamo denunce, città attenta e unita su vaccini”.

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Manifesti shock a Varazze, nel savonese, dove alcune immagini con scritte no-vax sono state affisse tra i necrologi cittadini e alcune bacheche pubbliche. A ritrovarle i cittadini che hanno segnalato la vicenda al comune. Uno dei due manifesti ritrae un neonato con le ali, senza vita, e riporta il messaggio: “Salviamo i nostri figli dal siero sperimentale”. Il comune è intervenuto per far rimuovere i cartelli. Non si escludono denunce a carico di ignoti nelle prossime ore. Qualche ora dopo è spuntato poi un secondo genere di manifesti che ritrae la morte con la falce suonare un campanello e annunciare: “Sono io, la terza dose”. “Le immagini sono abbastanza significative e scioccanti nel contenuto, la motivazione forse si ritrova nel fatto che la nostra città è molto attenta al tema”, spiega a Babboleo News il sindaco di Varazze, Luigi Pierfederici. “Stiamo valutando gli estremi per una denuncia – aggiunge – l’ordine dei medici ha già sporto una querela contro ignoti. La città è unita e solidale nell’indicazione di andare avanti con la campagna vaccinale”. Ascolta l’intervista sul nostro sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo