Covid e crisi socio-economica, Sant’Egidio: “40% di richieste in più negli ultimi mesi”

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Un’onda in piena che spazza via ogni cosa, dalle piccole alle grandi certezze, come la spesa quotidiana e il mantenimento di se stessi e della propria famiglia. Così l’emergenza sanitaria da Sars-Cov-2 sta mettendo in ginocchio un già fragile tessuto sociale ed economico. L’allarme arriva direttamente dalla Comunità di Sant’Egidio che fornisce dati angoscianti, come spiega il responsabile della Liguria Andrea Chiappori: “Negli ultimi mesi abbiamo registrato un aumento del 40% delle richieste, abbiamo dovuto aprire altri cinque centri per i pacchi alimentari, da tre siamo passati ad otto”. In questo vortice di malessere e richiesta d’aiuto rientrano anche i cosiddetti “insospettabili“, piccoli artigiani, lavoratori del terzo settore, badanti, lavoratori con contratti precari, una marea umana che fino a pochi mesi fa, prima della pandemia, non avrebbe mai pensato di dover bussare alla porta della Comunità di Sant’Egidio. Ascolta l’intervista completa ad Andrea Chiappori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, eventi, spettacoli: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive solo per gli iscritti alla Newsletter Babboleo!

Iscriviti Ora, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo