Dad alle superiori, Cambiaso (Liceo Cassini): “Capiamo ma speravamo in qualche ingresso (contingentato) prima di Natale”

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

La scuola al tempo del covid: mascherine, distanziamento fisico, gel disinfettante. Un nuovo approccio per tutti gli studenti, grandi e piccoli, che in questi mesi hanno imparato a studiare a distanza, la cosiddetta “didattica a distanza”, per i più smart, dad. Con l’acutizzarsi della seconda ondata e l’avvento dei nuovi dpcm disposti dal Governo, la Liguria è partita dalla zona gialla, per poi diventare arancione e per ritornare, da ieri (domenica 29 novembre ndr), nuovamente in gialla. Per gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado prosegue la didattica a distanza, sembrerebbe fino al 7 gennaio 2021, quando, se tutto andrà come deve andare, anche gli istituti superiori potranno riprendere le lezioni in presenza. “I ragazzi soffrono questa lontananza dai banchi di scuola, capiamo la decisione del Governo anche se speravamo in qualche ingresso, magari contingentato, prima di Natale”, spiega ai microfoni di Babboleo News Daniela Cambiaso, dirigente scolastica del liceo Cassini di Genova. Ascolta l’intervista completa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Attualità

La giornata degli abbracci ai tempi del Covid

Oggi, 21 gennaio, è il NATIONAL HUGGING DAY: la giornata mondiale degli abbracci. Un gesto semplice ma che, purtroppo, ci manca da tantissimo tempo. Questa

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, eventi, spettacoli: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive solo per gli iscritti alla Newsletter Babboleo!

Iscriviti Ora, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo