Ex Ilva. FIM Cisl Genova: “Dipendenti in cassa integrazione ma l’azienda assume ricorrere a risorse interne’” – Babboleo

Ex Ilva. FIM Cisl Genova: “Dipendenti in cassa integrazione ma l’azienda assume ricorrere a risorse interne’”

Condividi questo Post

“Siamo di fronte al periodo più buio nella storia della fabbrica ex Ilva di Cornigliano, che rischia seriamente di fermarsi. La produzione è ai minimi termini e la manutenzione, come più volte denunciato, non riesce a sopperire alle esigenze dello stabilimento, perché non vengono acquistati i ricambi necessari. Ma, mentre i dipendenti stanno subendo da anni il forte utilizzo della cassa integrazione fino a dieci giorni al mese sembra che l’azienda voglia assumere personale nel reparto vigilanza”, scrive in una nota la FIM CISL Genova.

“E’ quantomeno bizzarro che un’azienda, che mette quotidianamente in cassa integrazione 150 dipendenti, non ricorra a risorse interne per implementare il numero di lavoratori nel suddetto reparto. Temiamo che in realtà punti a sostituire gli attuali lavoratori della vigilanza, nonostante la loro disponibilità e professionalità. Ci auguriamo che l’azienda fornisca delle spiegazioni esaustive che chiariscano tutte le nostre perplessità, rispondendo in tempi brevi alla nostra richiesta d’incontro”, conclude la FIM CISL Genova.

Ai microfoni di Raio Babboleo abbiamo sentito Nicola Appice Rsu Fim Acciaierie d’Italia che ci ha spiegato nel dettaglio cosa sta accadendo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo