Eye 206 punti di vista: l’installazione nell’area archeologica di San Donato – Babboleo

Eye 206 punti di vista: l’installazione nell’area archeologica di San Donato

Condividi questo Post

L’11 luglio alle ore 18 inaugura e apre al pubblico a Genova la mostra EYES, 206 punti di vista, dell’artista fotografo Ivan Falardi, un percorso espositivo appositamente concepito per svilupparsi tra i resti murari dell’Area Archeologica di San Donato.

Il sito, che traccia e mostra l’articolato sviluppo urbanistico della città di Genova dal I secolo a.C. all’età moderna, per la prima volta ospita una mostra di arte contemporanea di grande estensione, in dialogo con il passato.
Anche per Ivan Falardi è la sua prima mostra a Genova, per la quale ha pensato e realizzato un’installazione site specific : 103 coppie di occhi create con la tecnica del Light Painting, un processo sperimentato per la prima volta da Man Ray nel 1935e caratteristico dell’attuale produzione artistica di Falardi, che prima della fotografia si è a lungo dedicato alla regia cinematografica e televisiva. 

Ai microfoni di Babboleo News abbiamo fatto una chiaccherata con l’artista

Questa tecnica consente di creare volumi, forme e sagome policrome attraverso sorgenti di luce mosse dal fotografo davanti all’obiettivo senza che l’autore rimanga impresso nello scatto.
Le opere di EYES sono stampate con ChromaLuxe, tipologia di stampa su metallo, che garantisce una qualità impeccabile e ha l’importante prerogativa di utilizzare materiali riciclati ed è riciclabile a sua volta al 100%.

103 coppie di occhi sono 206 punti di vista, nell’intenzione dell’artista vogliono evocare i punti di vista degli abitanti dell’antica comunità un tempo qui insediata, i loro sguardi, i loro confronti visivi e i loro incontri consumati quotidianamente nel percorrere e ripercorrere quegli spazi. La realtà in cui queste persone vivevano, viene richiamata da occhi contemporanei, affidati metaforicamente alle pietre levigate dal tempo dei diversi “punti” interessati dalle stampe.
Il giorno dell’inaugurazione, le 103 coppie di occhi saranno pian piano disvelate al pubblico dal buio del tempo, nel corso di una performance che vedrà protagonista l’artista ed altri performer: l’area archeologica da “oggetto” osservato si trasformerà in “entità” osservante, portando il visitatore a vivere l’inversione della relazione fruitore-sito con una distorsione della realtà e della percezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo