Fabrizio Nitti e la sua Liguria ritrovata ne “Il profumo e l’amore” – Babboleo

Fabrizio Nitti e la sua Liguria ritrovata ne “Il profumo e l’amore”

Condividi questo Post

Nuovo singolo inedito per Fabrizio Nitti, cantautore genovese, in una ritrovata collaborazione con Paolo Agnello, co-autore del brano, scritto in memoria di un’amica scomparsa in giovane età a causa di un brutto male. Amica che continua a vivere nei ricordi e nella natura. La prima immagine del videoclip, infatti, proprio quella di un fiore reciso, simbolo di una vita spezzata, ma nonostante ciò “il profumo e l’amore sembrano eterni”.

Protagonista del videoclip la Liguria: il Lago del Bocco, scorcio poco conosciuto dell’entroterra genovese, nel Comune di Borzonasca in Valle Sturla. “Un posto incantevole immerso nella natura dove la vita che si rigenera ogni giorno e ritrovo la mia amica scomparsa” – racconta Fabrizio Nitti ai microfoni di Radio Babboleo – “Amo molto la mia terra e valorizzare, oltre alle cose più conosciute, anche l’entroterra e gli scorci più nascosti”.

Non l’unico brano dedicato alla sua regione e alla sua città. Con il brano “Genova” il duo Nitti&Angello vince l’Accademia della Canzone di Sanremo e partecipano a Sanremo Giovani nel 1997. Poi insieme il Festival di Sanremo nel 1998 con la canzone “I ragazzi innamorati“. Inoltre, nel 2006 il singolo “Liguria“: “Una dichiarazione d’amore verso la mia terra, canzone che si è aggiudicata anche il secondo posto al Premio Bindi e al Premio Lunezia“.

Fabrizio Nitti, nato ad Asti nel ‘71, vive a Genova da sempre. Nel 1985 conosce Paolo Agnello formando un duo con cui parteciperà a più edizioni del Festival di Castrocaro. Nel 1997 vincono l’Accademia di Sanremo, portando sul palco “Genova” con cui gareggiano poi a Sanremo Giovani. L’anno dopo, nel 1998partecipano al 48° Festival di Sanremo con “I ragazzi innamorati”. Nel 2000, esce Alkè”, primo album. Nel 2001, esibizione live alla Sala Nervi,  Città del Vaticano, alla presenza di Papa Giovanni Paolo II. È il 2002, secondo posto al Premio Lunezia, con “Liguria”Nel 2003, ancora insieme vincono il Premio Città di Recanati con Un giorno di ordinaria follia”. Nel 2004 Fabrizio decide di intraprendere la carriera da solista continuando a scrivere con Paolo Agnello. Tra il 2005 e il 2006 partecipa al Premio Umberto Bindi, dedicato alla canzone d’autore, arrivando al secondo posto: la prima volta con  Voglio anche te” e la seconda con Liguria”. Nel 2014 ha interpretato Noi due” di Umberto Bindi contenuto nel disco tributo Il mio mondo solidale”.

Nel 2017 arriva l’album, “Una ragione per essere qui”, con gli arrangiamenti di Stefano Cabrera dei GnuQuartet e del chitarrista Enrico Pinna, che contiene Liguria”, inno e manifesto d’amore verso la sua terra, “Una ragione per vivere”, “Emanuela”, dedicato alla poliziotta uccisa a Palermo nell’attentato a Paolo Borsellino, Vedrai Vedrai”, omaggio a Luigi Tenco e E penso a te”, in cui suona Massimo Luca, storico chitarrista di Lucio Battisti. Nel 2020 scrive e pubblica “Resto a casa” per promuovere e sensibilizzare le persone a fare donazioni agli Ospedali della sua Genova. Il 12 maggio, in occasione della Giornata Internazionale dell’Infermiere, viene lanciata, con il patrocinio di CGIL Nazionale“Un uomo e una donna come te”. A ottobre, sempre nel 2020, esce “E Tu Vivi”.  A sei mesi dall’ultimo inedito il 30 aprile 2021 arriva “Libero come l’amore” a cui segue il 22 ottobre 2021 l’album “Tracce di me” che raccoglie i brani fondamentali della sua carriera con il lancio dell’inedito “Al di là del ponte”. Siamo nel 2023 e il 15 dicembre rilascia “Il Profumo e l’Amore” nuovo singolo inedito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo