Genova e il Piano Urbano di mobilità sostenibile – Babboleo

Genova e il Piano Urbano di mobilità sostenibile

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Parliamo di mobilità sostenibile e lo facciamo con il direttore del CIELI (Centro Italiano di Eccellenza sulla Logistica, i Trasporti e le Infrastrutture), Enrico Musso.

Musso ha elaborato il Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile del Comune di Genova che è stata per altro la prima città italiana a dotarsene

Il direttore del Cieli ha  raccontato ai microfoni di Babboleo News che uno dei  cardini del Pums è la riqualificazione e rivalorizzazione del trasporto pubblico con una vera e propria trasformazione.

“Il trasporto pubblico di alta qualità, cioè velocità, capacità e comfort – ha detto Enrico Musso –, è un tassello fondamentale del nuovo Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, che serve a riqualificare l’ambiente urbano e a migliorare la vita dei cittadini”

Si punta quindi a rigenerare l’ambiente urbano e a migliorare la qualità della vita dei cittadini articolandosi su diversi piani e . In primo luogo, il sistema degli assi di forza sulle principali direttrici di traffico della città, le due costiere, le due valli e il centro. Il sistema previsto mette in gioco un sistema di quattro assi filoviari di moderna concezione (Levante, Centro, Ponente, Valbisagno), due sistemi di monorotaia “SkyTram”, uno per il collegamento con Erzelli e l’altro per dotare la Valbisagno di un trasporto veloce su ferro, e infine il completamento della metropolitana: già finanziato il prolungamento verso Brin (a Ponente) e Martinez (a Levante), seguiranno i prolungamenti rispettivamente verso Canepari e Terralba e la stazione di Corvetto (con uscita anche a San Vincenzo), e in prospettiva il fondamentale completamento verso Sampierdarena. Il sistema così concepito porrà la mobilità genovese all’avanguardia per tecnologie impiegate e capacità di soddisfare la domanda di trasporto di genovesi e turisti.

Alla base di tutta questa “rivoluzione” del trasporto pubblico c’è anche e soprattutto il comportamento individuale dei genovesi

Nel Pums c’è ampio spazio per la mobilità dolce

C’è chi le ama e chi le odia, le piste ciclabili in città continuano ad essere tacciate ma tra mugugni e consensi la città ha visto nell’ultimo anno un alto numero di genovesi convertirsi alla bici

A Genova poi il movimento merci spesso avviene  in luoghi stretti e a traffico limitato come il centro storico

“L’aumento del traffico merci anche a causa dell’impennata dell’e-commerce (150 milioni di consegne nel 2017 in Italia), deve essere riorganizzata, visto che il sistema soffre di diverse inefficienze” ha spiegato Musso

E poi parlando di nuova mobilità in città impossibile non rispolverare il progetto di qualche anno fa del tunnel sotto il mare e di un uso alternativo della sopraelevata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo