Il Lago di Garda a nuoto e di corsa: la nuova impresa di Paolo Chiarino

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Percorrere il perimetro del Lago di Garda, 160 chilometri, a nuoto e di corsa. E’ l’impresa che tenteranno da venerdì a domenica Vincenzo Catalano e Paolo Chiarino. Quest’ultimo, 54 anni, vive in Lombardia, ma originario della Liguria, ha una seconda casa a Recco ed è tesserato per il gruppo triathlon locale. Chiarino è famoso per aver nuotato per un chilometro e solo con il costume (della Pro Recco di pallanuoto) nei mari del Polo Sud. Ma al suo attivo tante imprese al limite che, tra l’altro, racconterà al Salone Nautico di Genova il prossimo 6 ottobre. Intanto ecco questa nuova sfida del perimetro del lago di Garda osservando le regole di quella disciplina sportiva che si chiama Swimrun. L’impresa ha anche uno scopo benefico: raccogliere fondi per l’Associazione del Bambino Emopatico. Abbiamo chiacchierato di tutto questo proprio con Paolo Chiarino. Ascolta l’intervista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Attualità

Nuovo dpcm, tutto quello che c’è da sapere

Ecco il testo del nuovo DPCM in vigore da domani fino al 24 novembre. COMPORTAMENTI INDIVIDUALI Obbligo sull’intero territorio nazionale di avere sempre con sé

Attualità

Il nuovo Dpcm tra chiusure e coprifuoco

Entra in vigore lunedi’ 26 ottobre il nuovo Dpcm firmato dal premier Conte. Una sorta di mini lockdown che  contiene diverse restrizioni per cercare di

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, eventi, spettacoli: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive solo per gli iscritti alla Newsletter Babboleo!

Iscriviti Ora, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo