La riforma dei municipi e la loro storicità a Genova – Babboleo

La riforma dei municipi e la loro storicità a Genova

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Il 30 dicembre la giunta comunale ha emanato la bozza delle modifiche allo statuto del Comune di Genova per la parte riguardante il decentramento e le funzioni dei municipi.Lo scopo del decentramento amministrativo, secondo il Comune di Genova è quello di riordinare gli equilibri tra gli uffici centrali e periferici, almeno negli obbiettivi di chi l’ha voluta, e per stabilire con chiarezza i ruoli amministrativi e politici degli enti. Ai 9 municipi genovesi come li conosciamo dal 2007, verrà ridimensionata la funzione ad “amministrativa e operativa”, sostanzialmente una proposta di riforma radicale, che ridisegnando il rapporto tra ruolo del comune e ruolo dei municipi, il meccanismo di ripartizione dei compiti, delle funzioni e delle risorse e il processo di costruzione delle decisioni politiche e amministrative dei municipi. Questo cambiamento è però fronte di scontro politico piuttosto acceso.

Cercando di fare chiarezza sui municipi genovesi, anche storicamente, ai microfoni di Babboleo News abbiamo sentito l’Avvocato Daniele Granara docente di diritto costituzionale e regionale presso l’Università di Genova, ci ha raccontato la storia dei muicipi e il ruolo che questi hanno nella città di Genova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo