Lavoratori del commercio e vaccino anti-covid, Servidei (UIL): “Liguria indietro con le somministrazioni” – Babboleo

Lavoratori del commercio e vaccino anti-covid, Servidei (UIL): “Liguria indietro con le somministrazioni”

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

“Le addette e gli addetti che ogni giorno affrontano con la sola mascherina sul volto centinai e centinaia di persone, correndo il rischio del contagio anche a causa del denaro che maneggiano, soldi che sono grande vettore di batteri e sporcizia. Eppure ancora niente vaccino per questa categoria a rischio e per le tante altre che non sono state indicate nelle priorità e che magari lavorano proprio nell’ambito delle fatidiche priorità. Si tratta di dignità del lavoro e del lavoratore, è un problema di visione.” dichiarano Fabio Servidei, segretario organizzativo regionale Uil Liguria e Marco Callegari, coordinatore regionale del commercio per Uiltucs Liguria. In Liguria le lavoratrici e i lavoratori del commercio sono circa 110 mila, “sempre in prima linea in questa fase di pandemia” e pertanto, afferma Servidei, andrebbero vaccinati subito. Inoltre – continua il segreterio di Uil Liguria, “La Regione Liguria è in ritardo con la somministrazione di vaccini. Non è un problema di numero di dosi ma di organizzazione”

Su Babboleo News – Cosa succede in Liguria le parole di Fabio Servidei, segretario organizzativo regionale Uil Liguria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo