Liguria, oltre 10mila pazienti oncologici: ecco come sono stati curati al tempo del Covid-19 – Babboleo

Liguria, oltre 10mila pazienti oncologici: ecco come sono stati curati al tempo del Covid-19

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Sono circa 10mila i nuovi casi di neoplasia ogni anno in Liguria. Più della metà si registrano tra gli uomini, oltre 1.300 nuovi casi per tumore del polmone, più di 1.600 casi per tumore della mammella, oltre 1.700 casi per i tumori dell’intestino e quasi 500 casi di melanoma. Oltre 80mila persone sono in corso di trattamento ovvero già guarite e in una fase di controllo continuo o periodico e programmato (follow-up). Sono i dati che emergono in occasione della Giornata del malato oncologico che si celebra oggi, 4 febbraio, e da cui emerge la necessità di organizzare una risposta efficace per questi bisogni assistenziali complessi e in crescita.

I pazienti affetti da neoplasie sono persone vulnerabili che spesso devono recarsi in ospedale più volte nell’arco di ogni mese per ricevere le terapie anti tumorali. Nel corso della pandemia Covid-19, quali azioni necessarie sono state messe in atto per garantire l’accesso in sicurezza nelle strutture come gli ambulatori e i day-hospital di oncologia?

Ne parliamo su Babboleo news – Cosa succede in Liguria con dott. Paolo Pronzato, coordinatore del Diar Oncoematologico di Alisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo