Movida a La Spezia, Peracchini: “Il post-pandemia ha creato nei giovani un senso di irresponsabilità diffuso” – Babboleo

Movida a La Spezia, Peracchini: “Il post-pandemia ha creato nei giovani un senso di irresponsabilità diffuso”

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Il sindaco dalla Spezia Pierluigi Peracchini ha commentato su Babboleo News l’aumento delle forze dell’ordine in Liguria nell’ambito del piano nazionale di potenziamento dei servizi di vigilanza estiva deciso dal Governo.

Saranno circa 100 gli uomini e le donne in divisa che arriveranno nella nostra regione tra luglio e settembre, una media di 25 per ogni provincia. Un numero insufficiente, secondo il primo cittadino spezzino. “Diciamo che (dal Governo, ndr) si appoggiano molto sulla polizia locale” risponde sarcastico Peracchini. “E noi stiamo faticando per riuscire ad assumere nuovi agenti della Locale e avere il via libera dopo aver fatto i concorsi”.

“Arriverà qualche unità dal Governo” conferma Peracchini, “ma restiamo in carenza perché il post-pandemia ha creato nei giovani un senso di irresponsabilità diffuso. Parliamo di ubriacature ma anche di episodi di spaccio di droga. La situazione è esplosa: servono molti agenti per presidiare il territorio e tutelare i cittadini. E’ una partita che non è chiusa: spero ci si renda conto che servono provvedimenti più incisivi, altrimenti la ‘mala movida’ impererà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo