Pagani (UIL polizia penitenziaria) sui fatti di Sanremo: “Episodio gravissimo”

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Ai microfoni di Radio Babboleo News Fabio Pagani, segretario regionale della UIL PA Polizia Penitenziaria, commenta attonito i fatti di ieri avvenuti nel carcere di Sanremo. un agente è stato aggredito e ferito, intorno alle ore 12:00 da un gruppo di detenuti italiani, ristretti nel reparto degenza dell’istituto penitenziario matuziano, costituisce un gravissimo episodio: ” Il Poliziotto, che era titolare del reparto, è stato aggredito e sequestrato da due detenuti che hanno prima puntato una arma rudimentale appuntita al collo del poliziotto , tentando poi di sottrargli anche le chiavi della sezione. Scattato l’allarme, sono giunti sul posto i rinforzi , che sono riusciti a riportare i due detenuti alla calma e a farli desistere“ . Ennesima dimostrazione di quanto sia fallimentare l’attuale gestione del
sistema penitenziario sanremese, dove si ripetono atti di intolleranza e di violenza, soprattutto ai danni dei poliziotti, con una preoccupante frequenza senza che nessuno si preoccupi di adottare adeguati provvedimenti. “Il senso d’impunità che si respira nelle carceri italiane – rincara Pagani – favorisce il proliferare di eventi critici. Ciò che è drammatico, se fosse confermato, è che il gesto in questione pare abbia all’origine da un desiderio dei due detenuti di essere trasferiti ad altra sede”. “L’auspicio – conclude ‐ è quello che il Governo inserisca prioritariamente nella propria agenda il problema delle aggressioni e degli eventi critici al fine di individuare soluzioni concrete perché è inammissibile che la Polizia Penitenziaria, debba combattere in piena solitudine , disarmata e senza ausilio di strumenti di alcun genere anti aggressione – debba attendere alle esigenze di 60/80/100 detenuti. Non si può più accettare che il rapporto sia un
agente, una sezione a prescindere dai detenuti che contiene sia in termini numerici, sia dal loro livello di pericolosità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo