Residenti sotto il viadotto Bisagno a Genova: “Non dormiamo più la notte, le istituzioni intervengano per farci trasferire” – Babboleo

Residenti sotto il viadotto Bisagno a Genova: “Non dormiamo più la notte, le istituzioni intervengano per farci trasferire”

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

La rete autostradale della Liguria è oramai allo stremo: la chiusura ai mezzi pesanti del viadotto valle Ragone in A12, tra Sestri Levante e Lavagna, ha messo in evidenza (qualora ce ne fosse ancora bisogno), che i ponti della nostra regione sono pericolanti. E sotto un viadotto “mastodontico”, che impressiona, il viadotto Bisagno, continuano a risiedere gli abitanti di Via delle Gavette. “È evidente che stiamo vivendo sotto un pericolo estremo e costante, le manchevolezze di Aspi sono sotto gli occhi di tutti ed è oramai provato che abitare sotto i viadotti non è più possibile – spiega la portavoce del Comitato abitanti sotto il ponte Bisagno Chiara Ottonello – ma le istituzioni cosa fanno? Ci lasciano qui”. Il sindaco di Genova Marco Bucci è spesso in comunicazione con il ministro delle Infrastrutture e delle Mobilità sostenibili Giovannini, dal quale è riuscito infatti ad ottenere 35 milioni di euro per il parco del Polcevera”. Ma perché non provvede ad ottenere il trasferimento dei residenti sotto il viadotto Bisagno? Trasferimento peraltro già richiesto e ufficializzato in un dossier dal precedente ministro De Micheli?

“Sappiamo che Aspi teme di creare un precedente e, se dovesse dare il via libera al nostro spostamento, sarebbero costretti a sanare molte situazioni simili a quella a cui siamo costretti a sottostare noi. Ma intanto noi siamo qui, a non dormire più la notte”, prosegue Chiara Ottonello. Gli abitanti sotto il ponte Bisagno hanno paura, si sentono insicuri e per questo ritengono il comportamento di Autostrade non consono: “Aspi si sta arrampicando sugli specchi per evitare di spostarci, sta tentando di dichiarare sicura una situazione che invece sicura non lo sarà mai. Sentiamo parlare di costruzione di tunnel sui passaggi pedonali per i prossimi tre anni di cantiere, ancora una volta viene sottovalutata o nemmeno considerata la situazione delle nostre case”. “In alternativa il Rina sta ventilando l’ipotesi di trasferimenti provvisori (per mesi) in ogni fase pericolosa dell’allestimento e disallestimento del cantiere, ma tutto questo è inaccettabile – spiega
Chiara Ottonello. Bambini, anziani, disabili, costretti ad essere spostati come pacchi postali, dalle proprie case e dalle proprie abitudini, per l’incuria di un concessionario autostradale e di chi aveva il dovere di vigilare negli anni, ma non l’ha fatto”. “Dal presidente della Liguria Giovanni Toti, che sappiamo essersi scagliato forse più contro il Ministero che non contro Aspi, ci aspettiamo che possa portare a giusto compimento il PRIS, programmando per
tempo il nostro trasferimento definitivo”
, chiede a gran voce la portavoce del comitato Ottonello.


Il Mit, circa due anni fa, ha valutato il viadotto Bisagno con un punteggio di rischio crollo pari a 50/70. Questo Viadotto non sta bene, ed è del 1967, vecchio come lo sarebbe il Morandi. Da una prima analisi preliminare degli ingegneri, il ponte ha una vita residua stimata di circa 30 anni (ottimisticamente), nonostante le manutenzioni che verranno fatte nel corso degli anni. Per dirla chiaramente: in un futuro prossimo l’Infrastruttura andrà demolita senza dubbio e di certo i residenti di via delle Gavette non potranno starvi sotto. “È evidente tra l’altro che il viadotto è da considerarsi un cantiere perenne, con giunti che verranno rifatti ogni tre mesi, portando le probabilità che il tiro a segno mortale sulle nostre teste e su quelle dei nostri cari si tramuti in un evento certo”, aggiunge Ottonello. “Tutto questo è inaccettabile. E perdonatemi, lo è ancora di più è che le istituzioni appoggino queste assurdità. Dobbiamo arrivare ad una soluzione che tuteli i cittadini, non i potenti”, chiosa la portavoce Chiara Ottonello.

Noi abbiamo raggiunto telefonicamente la portavoce del Comitato abitanti sotto il ponte Bisagno Chiara Ottonello, ascolta l’intervista completa

1 commento su “Residenti sotto il viadotto Bisagno a Genova: “Non dormiamo più la notte, le istituzioni intervengano per farci trasferire””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo