Riapre il Parco di Villa Pallavicini: la fioritura del Camelieto e restauri

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Il 20 Febbraio il Parco di Villa Pallavicini aprirà il suo cancello al pubblico per visite guidate e non, allo scoperta della fioritura del Camelieto. Le visite si terranno tutti i weekend dalle 14:30 fino al 28 marzo (con l’ultima visita speciale il 5 aprile,il giorno di Pasquetta).

Sarà la direttrice di Villa Pallavicini, l‘Arch. Silvana Ghigino, a guidare personalmente i visitatori: si parlerà della storia di questo fiore, della sua fisiologia, delle sue richieste colturali e dei programmi che la gestione di Villa Durazzo Pallavicini ha nei confronti di questo viale che detiene il titolo di camelieto più grande e più antico d’Italia. Si visiteranno anche le camelie del Giardino di Flora e dello splendido esemplare di Camellia japonica ‘Rubra simplex’.

Il Parco di Villa Pallavicini è un organismo vivo e dinamico, non solo perché appartiene al regno vegetale che evolve senza sosta: ogni anno architetti paesaggisti, gestori e giardinieri lavorano alla sua manutenzione e ai restauri delle architetture. Chi visiterà il Parco potrà vedere il risultato dell’ultimo restauro del Tempio di Flora, del lavoro quasi concluso alla Tribuna Gotica e al Ponte Romano,nonché la Capanna della Sorgente appena ricostruita.

Su Babboleo News ne abbiamo parlato proprio con la direttrice Silvana Ghigino.

Ascolta l’intervista completa:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo