Social market a San Fruttuoso: si pensa al raddoppio – Babboleo

Social market a San Fruttuoso: si pensa al raddoppio

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

 Il“social market” è un supermercato, aperto in Via Bracelli nella zona di Marassi, dal lunedì al venerdì, a costo zero, al quale, a rotazione, possono usufruire le famiglie bisognose. E’ il progetto realizzato nel Municipio Bassa Valbisagno nel 2013 e che adesso si pensa addirittura di duplicare viste le numerose richieste di aiuti in epoca Covid.

Dietro ai banconi ci sono operatori della Caritas e – come spiega il presidente del Municipio Bassa Val Bisagno, Massimo Ferrante – i clienti sono famiglie bisognose che a rotazione di tre mesi, possono usufruire della merce presente nel market. In particolare ad ogni famiglia che ha una reale necessità viene consegnata una tessera a punti mensile in base al reddito e composizione del nucleo, per ottenere la spesa, poi dopo tre mesi, tocca ad un’altra famiglia”.

Il 99% delle persone che si rivolgono al social market sono italiani, un tornasole del difficile momento che si sta vivendo. Ad assisterli i volontari che accompagnano gli assistiti tra gli scaffali a scegliere ciò di cui hanno bisogno.
Ai microfoni di Babboleo News Massimo Ferrante presidente del Municipio Bassa Valbisagno ha raccontato come funziona il Social Market.

1 commento su “Social market a San Fruttuoso: si pensa al raddoppio”

Rispondi a Comitato San Fruttuoso Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo