“Nostalgia: il sentimento moderno dal Rinascimento al contemporaneo”, oltre 120 opere al Palazzo Ducale di Genova – Babboleo

“Nostalgia: il sentimento moderno dal Rinascimento al contemporaneo”, oltre 120 opere al Palazzo Ducale di Genova

Condividi questo Post

Dal 25 aprile al 1° settembre 2024 al Palazzo Ducale di Genova, Città capitale del libro, è in programma la mostra “Nostalgia: il sentimento moderno dal Rinascimento al contemporaneo”.

L’esposizione, curata da Matteo Fochessati in collaborazione con Anna Vyazemtseva, comprende oltre centoventi opere che attraversano le arti figurative dal Quattrocento al Contemporaneo. Esplorando il tema della nostalgia in varie forme espressive. Tra i capolavori esposti, provenienti da rinomati musei e collezioni private italiane e internazionali, figurano opere di Albrecht Dürer, Luca Giordano, Jean Auguste Dominique Ingres, Francesco Hayez, Giovanni Boldini. E poi Evelyn De Morgan, Giacomo Balla, Giorgio De Chirico, Florence Henri, Lucio Fontana, Yves Klein e Anish Kapoor.

Si tratta di un’esposizione a tema: la nostalgia, schema molto complesso e articolato; abbiamo pensato ad un percorso cronologico, ma anche tematico partendo dalla tesi di laurea di Johannes Hofer – ha dichiarato Matteo Fochessati, curatore della mostra, ai microfoni di Radio Babboleo -. Nel 1688 si laurea in medicina a Basilea e studia i mercenari svizzeri che, andando all’estero a combattere, soffrivano di nostalgia all’epoca”.

Ascolta l’intervista integrale a Matteo Fochessati, curatore della mostra Nostalgia, su Radio Babboleo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo