Skyline di Boccadasse: suggestivo o “banale”?

GENOVA – Tutto pronto per l’inaugurazione del 22 marzo: le casette colorate di Boccadasse verranno incorniciate da 90 filari di luci led. L’iniziativa, in gestazione da due anni, è partita da Civ e Pro Loco Maris di Boccadasse Aps , con il finanziamento della Società Axpo Italia e la collaborazione del Comune di Genova. A promuoverla anche la Sovrintendenza. Verranno accese in vista delle feste cristiane, nella ricorrenza del patrono e nei weekend.

Parliamo di abbellimento del borgo – spiega Alessio Pastine, presidente Civ Boccadasse non a caso, queste profilature sono presenti in località come Camogli, Portofino, Sori e Cinque Terre“. Così anche Boccadasse, sulla loro scia, si dota di un progetto di illuminazione artistica volto ad esaltarne il fascino notturno. Per i sostenitori dell’iniziativa, le luci renderanno il ‘borgo dei pescatori‘ visibile dal mare e dai traghetti, rendendolo riconoscibile e vivace. Lo skyline non solo vuole accrescere la bellezza della borgata ma anche attirare nuovi turisti e curiosi.

Ed è proprio sul turismo che Stefano Fera, presidente di Italia Nostra Genova, insorge: “è un pezzo di città, un pezzo di città importante proprio perchè ci si vive bene. Non dobbiamo trasformare queste zone, che sono le zone più belle, in piccole o grandi attrazioni turistiche” – e continua – “perchè dobbiamo svendere il nostro Paese? Un modo per far diventare un luogo prezioso come Boccadasse un luogo banale“.