“Harpe Mundi” domani a Genova un viaggio nella mondo dell’arpa con Vincenzo Zitello

Domani, sabato 2 marzo alle ore 21:00 nella Sala del Minor Consiglio di Palazzo Ducale il concerto di Arpa Celtica e Arpa Bardica “Harpe Mundi” all’insegna dell’esplorazione del mondo dell’arpa nelle più differenti sonorità tra la tradizione celtica e britannica.

Protagonista assoluto Vincenzo Zitello: compositore, poli strumentista e concertista, tra i più importanti arpisti al mondo con una carriera di oltre 47 anni, ha collaborato con i più grandi nomi della musica italiana da Battiato a Ivano Fossati. Negli anni passa dal violino, al flauto a traverso, alla viola e violoncello per poi rimanere rapito dalla bellezza delle corde dell’arpa. Il primo a portare l’arpa celtica in Italia.

Così un concerto che mira ad esaltare le insospettabili potenzialità che dimorano tra le corde delle sue arpe. La particolarità proprio che alcuni brani lì eseguirà con due arpe in contemporanea: l’arpa celtica e l’arpa Clarsach, due strumenti della tradizione Gaelica con caratteristiche sonore ed espressive differenti, in un crescendo fatto di lirismi, evocazioni, allusioni, ritmi, variazioni e virtuosismi che invariabilmente rapiscono ed incantano ogni ascoltatore. “Un concerto basato sull’arpa celtica antica e contemporanea per esplorare la parte gaelica e la parte più mediterranea in contrapposizione” – racconta ai microfoni di Radio Babboleo Vincenzo Zitello – “uno strumento che propone la rilettura del mondo dell’arpa da occidente a oriente, indagando i molteplici aspetti di uno strumento che ha più di 4 mila anni diffuso in tutto il mondo”.

L’ingresso è a offerta libera in favore di Associazione Musicamica, per l’erogazione dei ticket di ingresso è necessaria la prenotazione.