Infortuni sul lavoro in Liguria, 48 denunce al giorno nei primi due mesi dell’anno. Cisl: “Fermiamo questa carneficina”

Maestripieri, Cisl Liguria: “Il 13 aprile a Roma assemblea nazionale su salute e sicurezza”

2880 denunce di infortunio in Liguria nel primo bimestre 2024, pari a 48 denunce al giorno. Questi i dati analizzati dall’Inail nell’ultimo report, che evidenziano un aumento rispetto alle 2838 denunce nei mesi di gennaio e febbraio 2023.

In crescita anche le denunce nelle costruzioni, passate da 137 a 174, e in ambito sanitario e di assistenza sociale, da 154 a 172. Incrementati gli infortuni mortali, da 3 nel primo bimestre 2023 a 4 nello stesso periodo nel 2024, la maggior parte in trasporto e magazzinaggio. In aumento anche le denunce di infortunio nel segmento anagrafico più giovane, specialmente nella fascia d’età fino ai 14 anni.

“È ora di fermare questa carneficina e imporre sui posti di lavoro una seria, solida e condivisa disciplina della sicurezza. Occorre incrementare i controlli interni alle aziende e favorire la formazione continua – ha dichiarato Luca Maestripieri, segretario ligure della CislSulla salute e la vita delle persone non si scherza: noi di Cisl lo ribadiremo al PalaTiziano di Roma all’assemblea nazionale del 13 aprile, la giornata più importante di una serie di appuntamenti che in queste settimane stanno impegnando Cisl in centinaia di iniziative per sensibilizzare istituzioni e imprese sull’emergenza degli infortuni sul lavoro”.