infrastrutture – Babboleo

infrastrutture

“Libro bianco sulle priorità infrastrutturali della Liguria”: ecco le 10 opere urgenti

10 opere fondamentali per far uscire la Liguria dalla condizione di isolamento rispetto al resto dell’Italia. Questo quanto mostra la nuova edizione del “Libro Bianco sulle priorità infrastrutturali della Liguria“, presentato dal Viceministro dei trasporti e infrastrutture Edoardo Rixi e realizzato da Camera di commercio di Genova e Camera di commercio Riviere di Liguria, con il supporto tecnico di Uniontrasporti.

10 opere urgenti che rispondono a tre macro-obiettivi:
– migliorare le connessioni autostradali e la viabilità secondaria alleggerendo le reti attuali;
– potenziare le connessioni ferroviarie a servizio della mobilità di merci e passeggeri;
– ampliare gli spazi portuali, con la possibilità di effettuare uno shift modale efficace.

Al primo obiettivo rispondono la realizzazione della Gronda di Genova, la costruzione del tunnel subportuale, il nuovo collegamento stradale costa-entroterra attraverso il tunnel Val Fontanabuona e la realizzazione della bretella Carcare-Predosa.

Funzionali al raggiungimento del secondo macro-obiettivo sono invece il completamento della linea ferroviaria pontremolese, il potenziamento delle linee merci Savona-Torino e Savona-Alessandria, il raddoppio della linea ferroviaria Genova-Ventimiglia nella tratta Andora-Finale Ligure e la realizzazione del Terzo Valico dei Giovi.

Infine, nel terzo obiettivo rientrano la costruzione della Nuova Diga Foranea presso il porto di Genova e la realizzazione dell’Autoparco, un insieme di aree di sosta attrezzate per l’autotrasporto.

“Il primo Libro Bianco delle infrastrutture è nato a Genova due anni dopo il crollo del Ponte Morandi, poi si è allargato alla Liguria ed è stato adottato anche in altre regioni d’Italia – ha commentato Luigi Attanasio, il presidente della Camera di CommercioGrazie a strumenti come questo, il sistema camerale può essere più incisivo nel rappresentare al governo i fabbisogni imprenditoriali e logistici delle imprese”.

Novità di questa edizione del “Libro Bianco” sono gli indicatori di performance territoriali (KPI), individuati rispetto alle infrastrutture digitali, energetiche e di trasporto e logistica, che misurano lo scarto di ciascun territorio provinciale rispetto alla media nazionale. I KPI posizionano la Liguria al quinto posto tra le regioni italiane e confermano l’eccellenza del nostro sistema portuale, che vede le province di Genova, Savona e La Spezia nella top 10 nazionale.

Regione Liguria, oltre 4 milioni e 800mila euro per lavori di viabilità e acquisto mezzi di lavoro. Assessore Giampedrone: “maggiore tutela del territorio per sanare defict infrastrutturale”

GENOVA – Resilienza, ammodernamento e prevenzione infrastrutturale al centro del nuovo finanziamento di Regione Liguria che coinvolge più di 60 Enti tra Comuni e Province. Quasi 5 milioni di euro a valere sui fondi della Legge 145 sono stati infatti destinati da un lato a 22 interventi specifici su viabilità e mobilità ciclistica della Liguria, e dall’altro a 14 istanze di acquisto di veicoli e mezzi operativi per interventi di manutenzione sulle redi stradali comunali e provinciali. Questo quanto approvato nel corso dell’ultima Giunta regionale su proposta dell’assessore alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone.
Nello specifico, la delibera in oggetto riguarda due slot di contributi: dei 4.877.850 euro complessivi, 3.877.850 euro sono per l’esecuzione di interventi infrastrutturali e 1 milione per l’acquisto automezzi. I progetti, dalla costa all’entroterra, si inseriscono nella programmazione annuale di Regione Liguria (aggiornamento di Elenco triennale 2023-2025) a sostegno di Comuni e Province.

“La Regione è al fianco dei Sindaci nel percorso di ammodernamento e recupero infrastrutturale – commenta l’assessore regionale Giacomo Giampedrone -. Lo fa con un aiuto concreto a Comuni e Province per favorire la resilienza territoriale. Non solo nelle situazioni di somma urgenza, ma anche nelle altrettanto importanti sedi di sviluppo, come nel caso di piste ciclabili e impianti di illuminazione. Questa nuova tranche di fondi dimostra l’attenzione del Settore Infrastrutture verso le pluralità della regione, spesso caratterizzate da fragilità. Parlare di infrastrutture significa anche parlare di efficientamento e sicurezza sul lavoro, è per questo che per il rinnovo del parco mezzi Regione Liguria ha stanziato negli ultimi due anni 3 milioni e mezzo”.

Di seguito sono elencati, divisi su base provinciale, i finanziamenti che interessano la viabilità per un totale di 3.877.850 euro:

•       Provincia di Imperia – 1.661.880 euro
Di cui in particolare si evidenziano la manutenzione straordinaria della strada intercomunale Pontedassio-Chiusavecchia (239mila 558 euro); la realizzazione del parcheggio nella frazione Trastanello nel Comune di Armo.

•       Provincia di Savona – 344mila 021 euro.
Di cui nello specifico i lavori per la pista ciclabile di collegamento tra il tratto di ciclovia di via Stalingrado e la stazione ferroviaria di Savona

•       Città Metropolitana di Genova – 1.278.710 euro
In particolare, si segnalano i 621mila 754 euro nel Comune di Ne per la manutenzione straordinaria della strada comunale San Biagio con efficientamento energetico di parte dell’illuminazione pubblica; il contributo da 245mila 601 euro per la messa in sicurezza della strada carrabile Cretti Levà mediante installazione di barriere stradali sul secondo lotto.

•       Provincia della Spezia – 593.239 euro
Nel capoluogo, 189mila 742 euro sono destinati all’adeguamento della Galleria Spallanzani per la prevenzione degli incendi; il Comune di Beverino ha un contributo pari a 178mila 568 euro per i lavori di manutenzione straordinaria di varie infrastrutture comunali.

Questa la divisione su base provinciale dei nuovi contributi pari a 1 milione di euro per l’acquisto di mezzi operativi:

•       Provincia di Imperia – 227mila 176 euro
Escavatori, carrello per trasporto, trinciatore

•       Provincia di Savona – 241mila 392 euro
Veicoli commerciali, trattore e piattaforma area semi movente

•       Città Metropolitana di Genova – 221mila 796 euro
Autospazzatrice per pulizia stradale

•       Provincia della Spezia – 309mila 636 euro
Veicoli commerciali per trasporto

G20, a Genova il forum Infrastrutture: dal nuovo ponte al modello per le grandi opere in Italia

Infrastrutture e futuro, dal modello Genova all’Italia al centro del forum del G20 in corso nel capoluogo ligure. Tre ministri ad aprire gli incontri ai magazzini del Cotone, quello all’Economia Daniele Franco, quello alle Infrastrutture Enrico Giovannini e il titolare della Riconversione ecologica Roberto Cingolani. Soddisfazione per la scelta di Genova come sede per ospitare la tre giorni di confronti.. “Una scelta più che opportuna – ha detto il governatore Toti – è una città simbolo della fragilità delle infrastrutture nel nostro paese ma anche un simbolo delle opportunità che esistono collegate alle grandi opere”. Dal Forum sulle infrastrutture i ministri hanno sottolineato l’importanza del modello Genova, attuato per la ricostruzione del ponte San Giorgio, ed anche di avere amministrazioni locali che curino il tema delle manutenzioni. La giornata è stata occasione anche per un sopralluogo al polo degli Erzelli con gli esponenti del governo sull’avanzamento dei progetti sull’ospedale di Ponente, nuovo Irccs. Ascolta le interviste al governatore ligure Toti e al sindaco Bucci.