live in genova – Babboleo

live in genova

Doppia data ligure per Ermal Meta, tra elettrico e sinfonico: “ci vuole coraggio a pensare che una canzone possa cambiare il mondo”

Nuovi progetti, vecchi ricordi e il grande tema della fortuna al centro della nuova tournee di Ermal Meta, che arriva in Liguria con una doppia data: venerdì 19 luglio sul palco dell’Arena del Mare del Porto Antico per Live in Genova 2024 e venerdì 9 agosto all’Auditorium Franco Alfano per il Sanremo Summer Symphony 2024. “Due date molto diverse, la prima in elettrico full band, la seconda con un’orchestra sinfonica” – racconta ai microfoni di Radio Babboleo – Due visioni completamente differenti delle stesse canzoni, come spogliarle e rivestirle in un altro modo“.

La Liguria fa parte di un mio percorso estremamente importante” – racconta Ermal Meta, ricordando la vittoria al Festival di Sanremo nel 2018 insieme a Fabrizio Moro con il brano ‘Non mi avete fatto niente’ – “Sono uscito da lì musicalmente, è stato il mio trampolino di lancio in questo percorso. Poi tantissimi amici musicisti in Liguria”.

Un’estate all’insegna della musica live in giro per l’Italia con il suo nuovo tour dopo l’uscita del suo ultimo album “Buona Fortuna“, uscito lo scorso 3 maggio. Un vero e proprio viaggio nelle varie sfaccettature della parola ‘fortuna‘: “Il nome di mia figlia, ma poi per quel che mi riguarda non è mai una casualità ma una costruzione, una strada che decidi di percorrere giorno dopo giorno con tutte le sue soprese e incertezze – spiega l’artista – Per me la fortuna è una strada su cui camminare, brutta o bella che sia, perchè è la tua“.

Sulla copertina dell’album una balena collegata a 12 fili, che rappresentano le canzoni in esso contenute. “Un’immagine che ricorda Moby Dick: nel momento il cui l’equipaggio trova la balena è una grande fortuna, ma poi la balena crea numerose difficoltà. Quindi cos’è la fortuna, qualcosa che ti capita o qualcosa che ti capita ma per cui sei pronto a combattere?” – continua Ermal Meta – “così la danza nella vita quotidiana“.

Fortemente voluta dall’artista durante il suo tour l’iniziativa “Palco aperto“, che da la possibilità a musicisti e cantautori emergenti, selezionati tra le numerose candidature arrivate on line, di avere uno spazio e aprire le date dei suoi spettacoli. “Molto importante concedere il palco a giovani talenti meritevoli. Nella mia esperienza è stato importantissimo, perchè sei di fronte a un pubblico che non è il tuo ma che è disposto ad ascoltarti” – dice Ermal Meta – “Fare il musicista oggi è un atto di speranza e di coraggio, ma lo è sempre stato perchè ci vuole gran coraggio a pensare che una canzone possa cambiare il mondo. Bisogna avere una macro-visione e contemporaneamente una micro-visione perchè bisogna partire dal particolare per arrivare al generale. Il mio consiglio è di resistere“.

Ascolta qui l’intervista integrale ad Ermal Meta

‘Tu non tradirti mai’, gli Ex Otago nella loro Genova con una data speciale: “con il nostro pubblico unico e senza tempo”

Sono pronti a riabbracciare la loro città e il loro pubblico gli Ex Otago, venerdì – 12 luglio – sul palcoscenico dell’Arena del mare di Genova con il tour “Tu non tradirti mai”

Una data dedicata per Genova, che rafforza il legame con i posti che da sempre custodiscono la storia della band. “Come sempre per Genova pensiamo a qualcosa di speciale. Gli Ex Otago sono sempre stati un progetto estremamente legato ad un posto, ci è sempre piaciuta molto l’idea di celebrare un sodalizio con la nostra città che ci ha partoriti e cresciuti” – racconta ai microfoni di Radio Babboleo Maurizio Carucci, frontman degli Ex Otago – “Sappiamo tutti che essere di Genova è qualcosa di particolare: da una parte una meraviglia e una fortuna, dall’altra una sciagura per mille ragioni. Però, grazie a questa personalità così carismatica, Genova ha sempre aiutato gli artisti ad emergere, dalla scena dei vari cantautori alla più contemporanea. Genova è una città che non ti lascia indifferente, che sia una carezza o un pugno, in ogni modo forma e permette agli artisti di dire qualcosa“.

Tra brani del passato e grandi successi, la band porta per la prima volta sul palcoscenico genovese i brani contenuti nell’ultimo album “Auguri“. Pubblicato lo scorso 12 aprile, racchiude cinque anni di lavoro in un intreccio di intimi racconti e avventure in cui immedesimarsi e riconoscersi. “Dischi vecchi e tanti brani del disco nuovo per rompere le barriere, stare in mezzo alla gente. Abbiamo tanta voglia di divertirci e celebrare la vita” – continua Carucci – “C’è sempre tantissima gente ovunque noi andiamo. Gli Ex Otago hanno sempre un pubblico bellissimo, che sembra non avere un tempo preciso: affezionato alle canzoni, invincibili alle mode. E’ una cosa che ci teniamo stretti”.

Ascolta qui l’intervista integrale a Maurizio Carucci degli Ex Otago