portoantico – Babboleo

portoantico

Tecnologia, innovazione e sostenibilità: al Porto Antico di Genova un Village aperto alla cittadinanza

Domani l’inaugurazione del Village, un nuovo spazio permanente all’interno del Blue District a Palazzo dell’Abbondanza in via del Molo, nel cuore del Porto Antico di Genova. Un incubatore per sviluppare idee d’impresa legate al settore della Blue Economy, un acceleratore di start-up e un luogo aperto e dinamico suddiviso in varie aree tematiche, dalle infrastrutture al turismo, dallo sviluppo di nuove forme di business alla valorizzazione delle risorse naturali.

Gestito dal Job Centre, una società in house del Comune di Genova, e dedicato a cittadini e imprese, il Village si sviluppa in uno spazio di 600 metri quadrati che unisce innovazione e ricerca tecnologica, promuovendo sostenibilità e socializzazione. I visitatori potranno rilassarsi, leggere, fare un gioco da tavolo, studiare, lavorare da remoto, prendere un caffè o una tisana, scoprire i prototipi delle soluzioni innovative in mostra e partecipare a numerosi laboratori e momenti di approfondimento con esperti.

“Il Blue District è uno spazio nato per favorire la sostenibilità e la collaborazione delle imprese nell’ambito della Blue Economy – ha dichiarato Claudio Oliva, direttore del Job Centre e gestore del Blue DistrictAl momento abbiamo tre mostre interattive, che trattano la biodiversità e il cambiamento climatico, animate grazie al contributo di tre biologi marini. Dunque il Blue District è già aperto e usufruibile, ma la nostra idea è che venga abitato anche da altri contenuti, costruiti con i nostri partner o importati da altri soggetti”.

Tre i nuovi spazi: in primis la Sala dell’ispirazione, un’area dedicata ad attività interattive e ludiche sui temi della biodiversità del clima e dell’innovazione sostenibile, con proiezioni alle pareti, schermi touch e tre prime installazioni: L’Onda, una creazione digitale che fa immergere il visitatore nel Mar Ligure, esplorandone la superficie e gli abissi, Tentacoli, una video installazione documentaristica con schede di approfondimento sui cefalopodi, e OctoQuest, un meta-ambiente di gioco e immersione tra gli organismi marini.

Grande spazio anche alle idee d’impresa e alle start-up sostenute da Blue District, per portare soluzioni di innovazione sostenibile sia ai cittadini che a possibili partner e finanziatori. La prima start-up ad animare la scena sarà Northern Light Composites, che esporrà dall’inaugurazione del Village fino alla fine del mese una pala eolica verticale di due metri, realizzata con materiale interamente riciclabile. Questa zona di dimostratori di imprese e start-up sarà nella stanza di ingresso, che accoglierà anche un’area relax con WiFi gratuito e maxischermo sempre attivo con informazioni sulle attività presenti nelle sale.

“Il Village è un punto d’incontro che va in sinergia con i grandi progetti innovativi portati avanti dalle start-up – ha dichiarato Francesco Maresca, assessore al Patrimonio, Porto, Mare e Pesca del Comune di GenovaL’obiettivo è vedere lo sviluppo a livello mondiale di imprese nate qui nel Blue District, in cui la cittadinanza ha creato una comunità innovativa”.

Terzo spazio, un’area a servizio della cittadinanza con zone di lettura e bookcrossing, un baby pit stop con fasciatoio e possibilità di allattamento, macchine del caffè e tisaniere, una sala riunioni disponibile gratuitamente e un’area jungle come spazio verde con sedie e tavolini.

Realizzato con il sostegno delle Fondazioni Compagnia di San Paolo e Carige, il Village è supportato nella divulgazione verso gli studenti dalla Direzione Scolastica Regionale e dall’Università di Genova, che contribuiranno al monitoraggio delle attività.

“Per la Compagnia di San Paolo il tema dell’innovazione è una componente strategica della nostra programmazione – ha dichiarato Paolo Mulassano, Responsabile dell’Obiettivo Pianeta della Fondazione Compagnia di San PaoloCon Genova stiamo sviluppando sia attività progettuali in senso stretto sia un sostegno concreto alle politiche di sviluppo dell’innovazione del territorio. Il Blue District rappresenta un tassello importante nell’ecosistema dell’innovazione che la Compagnia di San Paolo intende sviluppare insieme alla città di Genova”.

Il Village sarà accessibile gratuitamente dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18 e fino al 31 maggio anche nei giorni festivi dalle 14 alle 18, fatta eccezione per la Sala dell’ispirazione che sarà invece sempre aperta al mattino per le scuole e nel pomeriggio per i cittadini.

Ulteriori informazioni e prenotazioni dei laboratori sul sito https://www.genovabluedistrict.com/village/.

Festa dei Mondi…in cucina, aspettando il 2021!

Si racconta già nel nome la Festa dei Mondi, manifestazione che dal 2015 colora la primavera nel Porto Antico di Genova: una settimana di incontro e conoscenza con le tradizioni, le danze, i costumi, l’artigianato e la gastronomia delle tante comunità straniere che vivono e lavorano nel territorio genovese per un evento che è arrivato a rappresentare 40 paesi, con un pubblico sempre più numeroso (circa 10.000 presenze nell’edizione del 2019) e che si articola attraverso laboratori per le scuole, workshop, spettacoli in piazza e l’immancabile festoso gran finale della Parata dei Mondi.

L’edizione 2020, rinviata al prossimo anno per l’emergenza Covid, propone una gustosa appendice dal 5 al 7 ottobre con una serie di laboratori enogastronomici, nello spazio didattico di Eataly Genova, un viaggio tra Europa, Africa ed America. Gli workshop sono a prenotazione obbligatoria, direttamente in negozio o sul sito di Eataly Genova.

“È per noi molto importante – dice la responsabile Ufficio Eventi e Comunicazione della Porto Antico SPA, Luisella Tealdiconfermare, anche se in maniera ridotta, la nostra Festa dei Mondi per dare continuità all’evento e non far affievolire lo spirito di collaborazione e comunicazione interculturale che si è creato in questi anni. Sono ammirevoli l’impegno e la passione con cui ogni anno le varie Associazioni che collaborano con noi raccontano le proprie tradizioni, ed è infatti grazie alla collaborazione di tutti che riusciamo a realizzare un evento che unisce culture, persone e tradizioni”.

La Festa dei Mondi torenrà nel 2021 con il tema Paesi, Storie e Costumi.