Anche a Punta Manara i paletti georeferenziati: sentieri più sicuri per escursionisti

SESTRI LEVANTE – Sentieri ancora più sicuri per gli escursionisti che la prossima primavera affolleranno i percorsi di Punta Manara. Da un’intesa tra Soccorso Alpino e Speleologico Liguria e Comune di Sestri Levante arrivano 31 paletti georeferenziati lungo tutti i sentieri del promontorio.

Sono paletti in acciaio inox, distano più o meno 250 metri uno dell’altro. Sono tutti numerati, con la sigla PM (Punta Manara). Utili a soccorrere chi si infortuna che, chiamando il numero di emergenza 112, potrà chiedere aiuto segnalando il numero del paletto più vicino, accorciando i tempi di ricerca del paziente” – spiega Thomas Peirano, vicecapostazione Tigullio val d’Aveto del Soccorso Alpino Liguria, che si è occupato del progetto.

Non solo. Su ogni paletto è riportato un qr code che, una volta visualizzato con il proprio dispositivo – Apple o Android – rimanderà all’applicazione gratuita GeoResQ, che può servire quando non si può fare una telefonata. “Il promontorio di Punta Manara ha una buona copertura telefonica. Si tratta di un’applicazione molto utile che permette di mandare un allarme alla centrale di GeoResQ, che poi smista la chiamata alla stazione di competenza” – afferma Peirano.

Si tratta di un sistema già collaudato in Liguria: da anni è in funzione lungo i sentieri di località turistiche come Portofino e le Cinque Terre. L’esperienza dei soccorritori insegna quella che pare un’ovvietà. “È successo che ci chiamassero per interventi al paletto 12 ma poi erano al 7. La gente, una volta sentitasi meglio, si sposta e noi fatichiamo ad arrivare al target” – rammenta il vicecapostazione – “la cosa principale che diciamo sempre è non muoversi“.

Ascolta qui l’intervista integrale al vicecapostazione del Soccorso Alpino ligure Thomas Peirano.