solaris

Teatro Nazionale di Genova, si riparte! Stasera doppio debutto, la presentazione di Davide Livermore.

La volta buona. E’ la speranza del mondo teatrale ligure che riparte dopo un anno (abbondante) di riflettori spenti, ordini e contrordini.

Stasera, 30 aprile, si rialzano i sipari del Teatro Nazionale di Genova, che nel periodo a porte chiuse ha preparato nuovi spettacoli e alimentato il rapporto con il pubblico attraverso numerose iniziative online.

Un doppio debutto che inaugura un cartellone di dieci spettacoli in scena sino a giugno: al Teatro Ivo Chiesa va in scena alle 20.30 la prima di Grounded di George Brant, regia di Davide Livermore, in replica sino al 9 maggio. Un monologo che ha avuto un fortissimo impatto sulla scena britannica e americana, con oltre centocinquanta allestimenti a partire dal 2013.

Al centro della scena una pilota dell’aviazione militare degli Stati Uniti che, rimasta incinta, diventa pilota di drone, un altro modo di volare e distruggere, la guerra contemporanea. Però qualcosa in lei si modifica, la consapevolezza aumenta, il disagio la attanaglia.

Sul palcoscenico del Teatro Modena approda invece la fantascienza con Solaris, regia di Andrea De Rosa, in scena sino al 9 maggio. E’ la storia degli scienziati di una stazione aerospaziale al momento del loro recupero per il rientro sulla terra dopo 700 giorni trascorsi in missione, per studiare il pianeta Solaris: pianeta che sta rapidamente imparando dall’inconscio di questi visitatori e interviene sulla loro parte psico-emotiva, forse nel tentativo di comunicare o forse per scacciarli in quanto alieni, o virus.

Il direttore del Teatro Nazionale di Genova, Davide Livermore, presenta a Babboleo.it la nuova stagione di spettacoli

.

Riapertura dei teatri, a Genova si riparte con la fantascienza

Dopo Pasqua potranno riaprire i teatri? Tutto dipende dall’evoluzione della pandemia di Covid-19, nel frattempo il Teatro Nazionale di Genova sta lavorando alla realizzazione di tre nuovi spettacoli che verranno proposti al pubblico quando arriverà l’agognata ripartenza, una ripartenza col botto perché sul palcoscenico arriverà la fantascienza.

Sono infatti iniziate al Teatro Gustavo Modena le prove di Solaris, adattamento teatrale del celebre romanzo di Stanislaw Lem da cui sono tratti i film omonimi di Andrej Tarkovskij e Steven Soderbergh,.

Inviata su una stazione spaziale che ruota attorno al lontano pianeta Solaris, un’astronauta scopre che insieme all’equipaggio vivono delle misteriose presenze, generate dal pianeta stesso. «Penso che noi siamo un agente inquinante» le confida uno degli altri astronauti. «Penso che la nostra presenza vicino a Solaris abbia in qualche modo fatto reagire il suo oceano come a un’invasione, a un virus».

Sul palcoscenico del Modena sono state allestite le suggestive scenografie di Simone Mannino, tra le quali si muoveranno gli attori  Federica Rosellini, Giulia Mazzarino, Sandra ToffolattiWerner Waas e Umberto Orsini in video.

Se le condizioni epidemiologiche consentiranno la riapertura dei luoghi di cultura, il debutto è previsto il 9 aprile con repliche sino al 22 aprile, naturalmente nella stretta osservanza di tutte le misure di sicurezza adottate nel protocollo anti-covid19.