viadelcampo29rosso

Vent’anni di Esteve, la chitarra di Faber che mobilitò Genova. Appuntamento in live streaming da Via del Campo.

Il 6 gennaio 2001 si chiudeva vittoriosamente in Via del Campo, l’asta online della Esteve, la chitarra che accompagnò il cantautore nel suo ultimo tour e poi donata dalla famiglia a Gino Strada, fondatore di Emergency.

Un’asta di cui fu protagonista la cordata viadelcampo.ge capitanata dall’indimenticabile Gianni Tassio in una appassionante contesa che vide coinvolti i fan di Fabrizio, le istituzioni, il Genoa e tutti i Genovesi, dai primi agli ultimi comprese le “princese”.

La Esteve di Faber, è tuttora custodita in viadelcampo29rosso, lo spazio museo di proprietà del Comune di Genova gestito dalla Cooperativa Solidarietà e Lavoro.

Per ricordare questa memorabile vicenda, lunedì 11 gennaio alle ore 20.00, appuntamento in live streaming sulla pagina Facebook di viadelcampo29rosso: una serata di musica e ricordi con i London Valour – Tribute Band a Fabrizio De André ed altri ospiti a sorpresa. condotta da Laura Monferdini, responsabile dello spazio museo, ecco la sua presentazione a Babboleo.It

Il concerto promuoverà anche una raccolta fondi a sostegno dell’Associazione Gigi Ghirotti Onlus.

‘Via del Campo 29 rosso’, aspettando che si riaccenda la musica.

Un finale d’anno a porte chiuse nella casa dei cantautori genovesi ma tanti progetti per un 2021 che si spera possa riaccendere presto la musica.

E’ un Natale diverso in ‘Via del Campo 29 rosso‘, il museo-bookshop gestito dalla Cooperativa Solidarietà e Lavoro e dedicato a Fabrizio De Andrè e alla scuola genovese dei cantautori: un necessario punto di riferimento culturale che si distingue anche per l’instancabile organizzazione di eventi legati alla musica e alla poesia d’autore.

Come le altre strutture museali del Comune di Genova il museo Via del Campo 29 rosso è chiuso per l’emergenza Covid e, in attesa di potere tornare ad accogliere il pubblico, condivide con Babboleo.it gli auguri e le riflessioni della sua responsabile, Laura Monferdini