Willie Peyote a tagliare il nastro del Balena Festival 2024: “Pronto per un ritorno al futuro”

Rap, sociale, politica, fiducia nel futuro e ancora musica. Tutto questo domani – mercoledì 3 luglio – all’Arena del Mare del Porto Antico di Genova con Willie Peyote che inaugura la nuova edizione del Balena Festival.

Il 25 aprile scorso l’uscita dell’EP “Sulla riva del fiume“, insieme al singolo “Giorgia nel paese che si meraviglia” per un vero ritorno al passato per quanto riguarda le sonorità che richiamano il jazz-funk di “Sindrome di Tôret” (2017) e “Educazione Sabauda” (2016): ora con questo lavoro la chiusura della ‘trilogia sabauda’ in un fil rouge di suoni e ambientazioni. “Un ritorno al futuro, nel senso che rispetto ai dischi precedenti è cambiato tanto intorno a noi anche a livello musicale e quindi si è evoluto anche il nostro approccio quando si tratta di fare dischi più suonati, come in questo caso” – racconta ai microfoni di Radio Babboleo Willie Peyote – “Gli ultimi dieci anni sono state tante cose tutte insieme, sono passato dal lavorare un call center a fare Sanremo“.

Non è la prima volta per me a Genova: sono venuto spesso a suonare e ancora più spesso a trovare amici in città, per tanto tempo Genova è stata per me un appuntamento fisso” – continua Willie Peyote – “Rispetto all’ultima volta in cui sono venuto, quando per le restrizioni Covid si poteva stare solo seduti, ora ci si può muovere sotto il palco quindi mi aspetto una festa. Live lascio più spazio possibile alla band e quindi ci può aspettare tanta musica suonata e citazioni, riferimenti agli artisti che più ci hanno influenzato“.

Ascolta qui l’intervista integrale a Willie Peyote ai microfoni di Radio Babboleo