Genova si candida a ospitare la “Casa delle Tecnologie”

tecnologia

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Il Comune di Genova vuole diventare un polo di riferimento sull’innovazione e il trasferimento tecnologico.

Lo dimostra la candidatura presentata al Ministero dello Sviluppo Economico per aggiudicarsi una delle “Case delle tecnologie emergenti”. Si tratta di infrastrutture materiali e immateriali finanziate dal governo, il cui scopo è di sostenere il trasferimento tecnologico verso le imprese con l’utilizzo del Blockchain, dell’IoT e dell’Intelligenza Artificiale e la creazione di start-up.

Si tratta di una sorta di incubatore e centro propulsore dell’innovazione: la prima “Casa delle tecnologie” è stata avviata a Matera lo scorso anno, l’avviso pubblico del Ministero dello Sviluppo Economico mette a bando altri 25 milioni di euro per altri progetti.

Il Comune è capofila di un progetto presentato al Mise con molte eccellenze del territorio, sia pubbliche che private: per l’investimento da 7 milioni (un finanziamento di 5,3 milioni di euro a cui si aggiungerebbero 1,8 milioni di euro di cofinanziamento) è stata scelta la sede dei Magazzini dell’Abbondanza.

I temi principali individuati all’interno del progetto riguardano il monitoraggio ambientale, la logistica documentale e una migliore gestione dei terminal, il tutto grazie alle innovazioni tecnologiche che la “Casa delle tecnologie emergenti” porterebbe con sé.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, eventi, spettacoli: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive solo per gli iscritti alla Newsletter Babboleo!

Iscriviti Ora, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo